Domani a Polinago l’arpa celtica di Francesco Benozzo

Serata all’insegna delle tradizioni dell’Appennino per “Echi musicali”, la rassegna giunta al sesto anno diretta dal maestro Andrea Candeli, curata dall’associazione “Laboratorio musicale del Frignano” e realizzata in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, Provincia di Modena, Comunità montana Modena Est, Comunità montana del Frignano, Comunità montana Modena Ovest, associazione Strade dei vini e dei sapori e 18 Comuni della provincia.

Protagonista della serata sarà il poeta e musicista modenese Francesco Benozzo, che si esibirà domani giovedì 20 luglio (ore 21) nella Piazza della Libertà di Polinago. L’artista proporrà al pubblico lo spettacolo “Terra dei Faggi (Esplorazioni per voce e arpa tra Appennino e luoghi del Nord)”, un’esplorazione musicale e poetica dei territori dell’Appennino, nella quale Benozzo (all’arpa celtica e al canto) propone un’intersezione tra brani della tradizione e composizioni originali, dando vita a un’inedita risonanza di sonorità e di atmosfere. Il tema del viaggio in Appennino si trasforma di continuo in un viaggio in terre lontane, alla ricerca di affinità e differenze, nel quale giocano un ruolo importante il dialetto nostrano e le lingue in via d’estinzione del Nord Europa.


“Terra dei Faggi” sarà diviso in tre parti. Nella prima (“Luoghi”), Benozzo eseguirà brani originali (“Marturèla”, “Mediòch”, “Valèda fonda”, “Tana scüra”, “Munt ed luntàn”); nella seconda (“Incontri”), brani della tradizione appenninica (“Maremma amara”, Mama mia vorrei vorrei”, “Ratto al ballo”, “La povera Giulia”, “La Veneziana / Lanterna magica”); nella terza (“Risonanze”), brani della tradizione celtica (“La via delle balene”, dell’isola di Man; “Séamesh Mahoo”, dell’Irlanda; “Danza del sidro / Kerevenn”, della Cornovaglia).


Francesco Benozzo, musicista di fama internazionale, poeta e ricercatore, ha all’attivo quattro cd ed è stato invitato a suonare con la sua arpa celtica nei più importanti festival europei di musica etnica, guadagnando una menzione speciale della critica ai Folk awards di Edimburgo del 2003. Come scrittore ha pubblicato libri in poesia e prosa incentrati in particolare sulle storie del paesaggio. Ha partecipato alle ultime tre edizioni del “Printemps des poètes” francese e di recente si è esibito con la sua arpa celtica insieme al premio Nobel per la letteratura Wislawa Szymborska, sul palco del Teatro Valle di Roma. Benozzo ha vissuto per lunghi anni in Galles e in piccoli borghi dell’Appennino modenese, dove ancora ritorna.


La sesta edizione di “Echi Musicali”, in programma dal 25 giugno al 9 settembre, prevede 27 concerti e toccherà 18 Comuni della provincia di Modena, tra Appennino e pianura. La rassegna spazia tra numerosi generi musicali: dalla musica classica a quella popolare, dalle armonie celtiche agli irrefrenabili ritmi brasiliani, dal pop internazionale al jazz fino a incursioni nel repertorio dei musical, del tango e del flamenco.