Bologna: Trasporto pubblico locale, sospeso sciopero 29/7

Nel tardo pomeriggio di ieri, a palazzo Malvezzi, il Vice Presidente della
Provincia Giacomo Venturi con delega ai Trasporti e l’Assessore alla
mobilità del Comune di Bologna Maurizio Zamboni hanno incontrato le
Organizzazioni Sindacali territoriali per un aggiornamento sul processo di
affidamento dei servizi di Trasporto Pubblico Locale.


Provincia e Comune, dopo aver richiamato gli impegni assunti nell’incontro
del 4 maggio scorso con la Regione, ed in particolare la concorde volontà
di assumere tutti gli atti necessari per usufruire delle disposizioni
introdotte dalla Legge Finanziaria, hanno illustrato i seguenti elementi di
novità nel frattempo intervenuti e richiamati in un verbale stilato al
termine dell’incontro.



1. La Regione, in sede di approvazione dell’assestamento del bilancio
di previsione 2006 e pluriennale 2006-2008 (la cui approvazione è prevista
nel Consiglio del prossimo 26 luglio), ha formalizzato la proposta di
modifica della Legge regionale n. 30 del 1998 per recepire la disciplina
statale nel senso auspicato: le scadenze degli affidamenti in atto vengono
prorogate alle date indicate dalla normativa nazionale e viene contemplata
la possibilità di annullare il bando della procedura concorsuale;


2. Circa il percorso già avviato di implementazione di un sistema
integrato di gestione del servizio di TPL con bacini limitrofi, gli
assessori alla mobilità dei Comuni e delle Province di Bologna, Ferrara,
Modena e Reggio Emilia (che hanno condiviso il 12 giugno scorso, un
protocollo di intesa tra le Istituzioni pubbliche azioniste delle società
di trasporto pubblico locale) hanno riaffermato il positivo sviluppo dei
rapporti in essere;


3. Provincia e Comune confermano da parte loro la volontà degli Enti
di avvalersi della proroga di due anni consentita dalla normativa e, con
riferimento alla riorganizzazione societaria dell’azienda, ribadiscono
l’impegno a proseguire nel percorso di rifusione dei beni;


4. In coerenza con il percorso sopra delineato, Comune e Provincia
assumeranno, il prossimo 25 luglio, un orientamento nei confronti della
società SRM affinché la stessa sospenda il bando in atto per consentire il
perfezionamento delle operazioni sopra prospettate;


5. Infine, Comune e Provincia si impegnano a sviluppare un confronto
con le OO.SS sull’evoluzione del processo di aggregazione delle società di
TPL di bacini confinanti, coerentemente con quanto già stabilito con il
verbale sottoscritto tra le parti nell’incontro del 4 maggio scorso.



L’accoro è stato raggiunto e sottoscritto da tutte le parti presenti. In
particolare le OO.SS che avevano proclamato un sciopero per il prossimo 26
luglio (FAISA CISAL, FIT CISL, UIL, CUB RdB, SULT) si sono impegnate,
attraverso la sottoscrizione di uno specifico accordo aggiuntivo, a
sospendere lo sciopero.