Attenzione al grande caldo, consigli e suggerimenti

Pochi ma utili consigli per tutelarsi – soprattutto anziani e bambini – dalle ondate di calore con temperature torride nella stagione estiva, preannunciate per i prossimi giorni anche per la nostra zona


Bere molto (8-10 bicchieri di acqua al giorno); soggiornare in ambienti freschi e ventilati; indossare indumenti naturali e leggeri; fare più docce di acqua tiepida o fresca al giorno; consumare pasti leggeri; mangiare frutta e verdura ed evitare caffè, te, bevande zuccherine ed alcoolici.



Sono questi i consigli al tempo stesso più semplici e utili da osservare per far fronte alle previste ondate di calore che si formano oramai da più anni nella nostra zona, a cui si aggiunge il ristagno atmosferico di sostanze prodotte dall’inquinamento prodotto dalle polveri sottili…



Ecco perché risultano maggiormente a rischio alcune categorie sociali quali quelle costituite da anziani e bambini o soggetti con patologie di carattere respiratorio



Le autorità sanitarie si raccomandano pertanto di osservare alcune norme comportamentali precise che nella loro semplicità ed efficacia, consentono tuttavia di risolvere la gran parte delle situazioni di disagio.




Bere molta acqua (almeno due litri al giorno) per mantenere costante l’idratazione è importantissimo , fare pasti leggeri ed evitare gli alcoolici o le bevande troppo gassate.



In casa: Usare tende, chiudere le imposte, usare ventilatori facendo circolare bene l’aria, fare docce o bagni tiepidi rinfrescanti, non rimanere senza scorte di acqua e frutta e verdura…



Fuori casa. Evitare, per quanto possibile, di uscire durante le ore di maggiore insolazione (dalle 13.00 alle 18.0), Utilizzare sempre capelli o copricapi, passare più tempo possibile in luoghi pubblici climatizzati (bar, esercizi commerciali, super mercati).



Non restare isolati. E’ anche buona norma mantenere un’efficace rete di contati sociali. Vicini, parenti e amici dovrebbero sempre rimanere in contatto con le persone più anziane o sole, Mantenere un contato con il proprio medico di base. Chiedere di essere chiamati al telefono, anche per scambiare quattro semplici chiacchiere…



Segnaliamo inoltre che per tutto il prossimo mese di Agosto presso la struttura protetta del Comune – “Casa Serena “- a Salvarola verranno messi a disposizione locali rinfrescati per ospitare nelle ore più calde persone autosufficienti. Per accedere a questo servizio è necessario accordarsi con la struttura, telefonando con 48 ore di anticipo a Casa Serena, ai seguenti numeri:
(0536) 1844890 – 1844891.



Ricordiamo che i soggetti maggiormente a rischio sono:

Anziani e/o persone che vivono sole

Persone con malattie croniche e che assumono regolarmente

e con continuità farmaci (cardiopatici, ipertesi, diabetici, etc…)

Portatori di handicap

Bambini piccoli




I numeri utili in caso di necessità


Chi chiamare in caso di eventuale necessità. Il medico va chiamato sempre quando si avverte:
senso di instabilità, vertigine, mal di tesa, difficoltà del respiro e mal di testa.

Naturalmente per le emergenze vere e proprie sono attivi come di consuetudine i numeri di telefono del 118 (Emergenza) e della Guardia medica ospedaliera (0536) 863111. E’ buona norma rivolgersi al proprio Medico di Famiglia, ai servizi sanitari e sociali per avere consigli e suggerimenti.