Roveraro: un arrestato confessa

Filippo Botteri, consulente finanziario 43enne di Parma arrestato stamane, ha confessato di aver sequestrato e ucciso Gianmario Roveraro.

Il rapimento sarebbe stato deciso dopo un affare immobiliare da 500mila euro andato male. Botteri – che conosceva Roveraro – vi aveva perso molto denaro.
Il corpo del finanziere, sezionato ma non seppellito, è stato fatto trovare da Emilio Toscani, 43 anni, esperto informatico di Collecchio residente a Fornovo, arrestato con un operaio di Castelfranco Emilia, Marco Baldi, 50 anni.