Bologna nominata città creativa da Unesco

Un grande concerto-evento fissato per il 6
ottobre nel salotto di Bologna, Piazza Maggiore, per celebrare adeguatamente la nomina del capoluogo emiliano come ‘Città creativa per la musica’ da parte dell’Unesco.

Ad annunciralo, nel corso di una conferenza stampa, sono stati il sindaco di Bologna, Sergio Cofferati, insieme al cantante Lucio Dalla,
direttore artistico del concerto del 6 ottobre.

“Si tratta di un riconoscimento importante per la città – ha detto Cofferati – Bologna ha una lunghissima storia musicale: dalla classica
all’opera, dal jazz al rock, fino al pop”. Insiema al concerto, poi, “avvieremo tutte le attività che si potranno sviluppare visto il riconoscimento ottenuto” ha aggiunto Cofferati, costruendo anche “un rapporto stabile con Siviglia”, l’unica città europea a condividere lo stesso titolo.

“Bologna – ha detto Lucio Dalla – ha sempre avuto disponibilità nel mostrarsi, ed essere mostrata, attraverso la musica”. “Una città che viene
cantata, ma senza la retorica da esportazione turistica – ha aggiunto Dalla – la bolognesità ha un peso vero nella formazione di ognuno di noi, ma
questo un riconoscimento vero, internazionale”.

Per questo è giusto “celebrarlo con un concerto in Piazza Maggiore – ha proseguito il cantante –
sembra assurdo ma anch’io canterò per la prima volta: le poche volte che mi era capitato era stato in playback, un’esperienza terribile…”.

Massimo riserbo sui nomi dei big che accompagneranno Dalla, ma in Piazza Maggiore, garantisce il cantante, ci saranno “grandissime soprese: artisti italiani e internazionali, che abbiano tutti una storia intrecciata con Bologna”.