Ducati Energia sbarca con una joint venture in India

Ducati Energia e l’indiana Kinetic Communications hanno annunciato la creazione di una joint venture in India, la Ducati Energia India Pvt Ltd Company.
Situata a Pune, produrrà volani, centraline elettroniche, sistemi di accensione, regolatori e centraline a iniezione elettronica per veicoli a
due e tre ruote.


Ducati Energia, azienda italiana dal fatturato consolidato di circa 100 milioni di euro con sede a Bologna, conta circa 350 collaboratori ed occupa
una superficie di 40.000 mq.
L’impresa è concentrata su quattro settori di attività:
produzione di condensatori per l’elettrotecnica, produzione e commercializzazione dei contatori di energia, fabbricazione di generatori e
commercializzazione di strumenti elettronici di misura.
Realizza sistemi di accensione elettronica e a contatto per applicazioni su ciclomotori, scooter, motocicli e motori stazionari; produce inoltre sistemi di ricarica batteria con regolazione elettronica per veicoli a due ruote e per motori stazionari e motorini d’avviamento a magneti permanenti.
Ducati Energia è leader europeo nella produzione di sistemi di iniezione elettronica e a contatto per applicazioni su ciclomotori, scooter, motociclette, motoslitte e moto d’acqua, Trial, Atv e motori monomarcia, attraverso la vendita dei propri manufatti alle maggiori case motoristiche
europee e mondiali.

Ducati Energia e Kinetic Communications hanno sottoscritto un accordo per produrre nella struttura indiana le tecnologie Ducati ”per far fronte
alle crescenti esigenze del mercato interno”.
La nuova societè è una joint venture al 50/50 dove Ducati Energia ha un diritto di opzione per
acquisirne il 51% in futuro, con l’obiettivo di stabilire una propria produzione a Pune impiegando 150-200 addetti.
La struttura indiana non ha solo l’obiettivo di soddisfare le richieste nazionali, ma potrebbe rivelarsi – secondo l’azienda bolognese – un’importante fonte di
outsourcing della Ducati Energia nel mercato orientale, europeo e mondiale.