Formigine contro l’importazione di pellicce cinesi

Il Consiglio Comunale di Formigine, nei giorni scorsi, ha approvato all’unanimità, su proposta del Consigliere dei Verdi Marco Ferrari, una mozione di ferma e totale condanna delle atrocità e di ogni altra forma di maltrattamento negli allevamenti cinesi di animali da pelliccia.

La mozione fa parte di una campagna nazionale della LAV a seguito della denuncia degli orrori inimmaginabili all’interno degli allevamenti cinesi, da parte delle associazioni animaliste internazionali Swiss Animal Protection e East International che hanno diffuso foto e filmati drammatici e molto cruenti che possono essere visionati sul sito Non lo sapevo.

Dagli allevamenti cinesi provengono la maggior parte degli inserti nei guanti, nei peluche, negli stivali che affollano le nostre vetrine; articoli a basso costo e ad alto tasso di crudeltà.
La mozione chiede anche maggiori controlli da parte degli organi di vigilanza nella repressione dei maltrattamenti nei confronti degli animali e sui metodi d’uccisione degli animali da pelliccia esistenti sul nostro territorio provinciale.

L’Amministrazione Comunale si impegna inoltre a chiedere al Ministero delle Attività Produttive, oltre al divieto di importazione e commercializzazione delle pelli provenienti dalla Cina, l’obbligo di etichettatura per tutti i capi contenenti parti di animali che indichi espressamente la specie utilizzata, il metodo di allevamento, il metodo di uccisione, l’azienda di confezionamento e il Paese di provenienza.

Il Comune di Formigine si impegna ad inserire nella prossima variante agli strumenti urbanistici, l’esclusione degli allevamenti di animali da pelliccia dagli interventi ammessi sul territorio comunale.