Compa 2006: Come cambia la figura del ‘Comunicatore pubblico’

I risultati della ricerca nazionale “Il Comunicatore pubblico”, indagine conoscitiva ideata dalla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma in collaborazione con l’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale, saranno presentati in anteprima a COM-PA (Bologna, 7-8-9 novembre 2006).


La rilevazione, effettuata tramite un questionario di 40 domande aperte (che implicano più risposte), riguarda appunto il ruolo professionale del responsabile e degli addetti della struttura di comunicazione pubblica.
Le domande sono tutte incentrate sulle attività di comunicazione svolte all’interno degli URP e delle organizzazioni analoghe. Esaminano, in particolare, la composizione di queste strutture organizzative, le attività svolte e le relative problematiche di attuazione dei compiti, in ottemperanza alla legge 150/2000. Analizzano, inoltre, il grado di soddisfazione, di preparazione e le modalità d’accesso alla professione degli operatori.

Il sondaggio sottende, in realtà, ad una ricerca ben più complessa: l’evoluzione del profilo del comunicatore pubblico, che elabora progetti, piani di comunicazione, di marketing e campagne informative.

Lo studio è realizzato a sei anni dalla promulgazione della Legge 150/2000, la cui piena attuazione (che comprende anche la definizione della figura e dei ruoli del comunicatore pubblico) è uno dei compiti primari che si prefigge l’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale.
L’argomento è peraltro a tutt’oggi oggetto di trattativa e di dibattito.

Le amministrazioni interessate potranno compilare il questionario al seguente Collegamento Internet.