Mobilità e trasporti: un protoccolo d’intesa per la nostra regione

Quali modalità devono essere seguite in caso di incidente e di cantieri di lavoro sull’autostrada, al fine di evitare gravi ripercussioni sulla viabilità ordinaria? E’ il tema del protocollo d’intesa che è stato siglato oggi da Regione Emilia-Romagna (con l’assessore alla Mobilità e trasporti Alfredo Peri), Autostrade per l’Italia, Compartimento Polizia Stradale dell’Emilia Romagna, dagli amministratori delle Province e dei Comuni di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Casalecchio di Reno, Sasso Marconi e da Cepav Uno.


Il protocollo di intesa sulle modalità operative è un importante risultato che scaturisce da una serie di incontri svoltisi a seguito delle problematiche sollevate dagli amministratori locali, in ordine alla congestione del traffico, ai rischi per la sicurezza, all’inquinamento e agli incidenti che si verificano sull’A1.

L’accordo, oltre a stabilire le procedure relative alle modalità di comunicazione e di informazione che saranno seguite in caso di incidente e di cantieri di lavoro, definisce i punti e le modalità di instradamento del traffico su percorsi alternativi, fermo restando l’impegno di Autostrade a mantenere, per quanto possibile, il traffico pesante all’interno della rete autostradale.

Il protocollo individua inoltre una serie di provvedimenti e azioni che Autostrade metterà in atto per migliorare dal punto di vista ambientale le caratteristiche delle infrastrutture autostradali, con particolare riferimento al completamento del programma di pavimentazione drenante e fonoassorbente sulla A1 e sulla A14; l’installazione di barriere fonoassorbenti e l’individuazione di interventi di miglioramento ambientale sulla propria rete, da concordare con le amministrazioni locali interessate. E ancora l’aumento, al fine di favorire la diffusione di combustibili alternativi, dei punti di distribuzione di metano e Gpl nelle aree di servizio, anche attraverso l’inserimento di apposite clausole nei bandi di gara per le concessioni degli impianti di carburante nelle aree in scadenza. Infine, viene sancito l’impegno di Autostrade a partecipare ai tavoli di concertazione legati alla stipula del prossimo Accordo di programma sulla qualità dell’aria.

Infine, l’intesa sottoscritta oggi prevede l’impegno di Autostrade a mettere a disposizione della Polizia strumenti per il controllo del rispetto del Codice della Strada, nonché il coinvolgimento della Società agli studi in corso da parte di Regione, Enea e Aster sulla distribuzione di metano e idrogeno, da collocare in luoghi rilevanti del territorio regionale.