Bologna: molotov contro buttafuori, Pm chiede giudizio immediato

Il pm della Procura felsinea Antonello Gustapane, ha chiesto al gip Michele Guernelli il giudizio immediato nei confronti dei tre giovani arrestati la notte del 31 agosto scorso dopo aver lanciato contro il buttafori del Chalet dei Giardini Margherita di Bologna una bomba molotov, perchè ‘colpevole’ di aver negato loro l’accesso al locale.

I tre – attualmente ancora detenuti – Marco Dattisi, bolognese di 25 anni, che secondo la vittima avrebbe tirato la bottiglia incendiaria; Carlo Spazzoli, 22 anni, nato a Enna ma residente a Bologna e Jari Testoni, bolognese di 29 anni, sono accusati di tentate lesioni gravi aggravate dai futili motivi e dalla premeditazione.

Il magistrato aveva chiesto la convalida dell’arresto prospettando anche l’ipotesi del tentato omicidio, ma il gip ha derubricato il reato pur sottolineando la pericolosità della condotta degli indagati. Testoni deve rispondere anche di porto abusivo di armi perchè nel bagagliaio della sua auto è stato trovato un pungolo elettrico.

I tre volevano entrare nel locale ma il buttafuori, un bulgaro di 25 anni, aveva vietato loro l’ingresso perchè troppo ubriachi. Dopo una accesa discussione con minacce, i tre sono tornati e gli hanno tirato contro la molotov per fortuna senza conseguenze.