Bologna: calci e pugni per un cellulare, 14enne ferito

Rossanu B., nomade 32 enne nato a Modena e residente a Rovigo, è stato bloccato dalla polizia di Bologna dopo aver colpito con calci e pugni un ragazzino serbo di 14 anni, portandogli via il telefono cellulare e 250 euro in contanti.

L’uomo è finito in carcere per rapina e resistenza a pubblico ufficiale.
Il ragazzino ha riportato un trauma cranico e altre ferite giudicate guaribili in 10 giorni. Grazie alle sue descrizioni, R.B. è stato bloccato poco dopo da una volante in via Ferrarese mentre tentava la fuga in tangenziale col suo furgone. L’uomo ha anche opposto resistenza, cercando di colpire gli agenti, procurandosi volontariamente delle lesioni. Addosso aveva il cellulare rapinato poco prima e 60 euro.