Reggio E.: caprioli malati, nessun richio e nessuna emergenza

L’assessore provinciale all’Ambiente e alle Attività venatorie, Alfredo Gennari, ha incontrato questa mattina i vertici dell’Area Dipartimentale di Sanità Pubblica Veterinaria dell’Ausl e dell’Istituto zooprofilattico sperimentale di Reggio per un aggiornamento sul Piano provinciale di monitoraggio sanitario dei caprioli attivato ai primi di settembre al fine di preservare la specie e valutare – in seguito ai casi di animali debilitati segnalati in questi ultimi giorni – se sussistano pericoli legati ad eventuali malattie trasmissibili ad altri animali e-o all’uomo.


Al momento sono 28 i campioni giunti all’Istituto zooprofilattico (10 carcasse di caprioli trovati morti, 18 da animali abbattuti durante la caccia di selezione). Le analisi di più rapida esecuzione, relative all’accertamento di eventuali parassiti, hanno evidenziato in tutti i campioni la presenza di parassiti gastrointestinali. Attualmente – ha assicurato il responsabile Servizio veterinario dell’Ausl di Reggio, Antonio Cuccurese – non si può pertanto parlare di emergenza sanitaria, non esiste alcun rischio per la salute pubblica né tantomeno alcun pericolo derivante dal consumo di carni di capriolo.

Per i prossimi giorni – e l’assessore Gennari ha in tal senso sollecitato l’Istituto zooprofilattico sperimentale – sono attesi gli esiti degli altri accertamenti compiuti di carattere sierologico, virologico, batteriologico, che comportano necessariamente tempi più lunghi. Continuerà, nel frattempo, anche il prelievo di campioni da analizzare in modo da raggiungere i 150 ipotizzati dal monitoraggio predisposto dalla Provincia da qui sino alla conclusione della caccia di selezione dei caprioli, prevista per il 30 settembre. A tale proposito, la Provincia ha invitato i cacciatori ad abbattere esclusivamente caprioli malati, sollecitando anche la Polizia provinciale e i selecontrollori a verificare la puntuale applicazione di tale indicazione. Si ricorda che i kit per i prelievi sono disponibili presso tutti gli Atc o presso le sedi distaccate del Servizio Veterinaria di Reggio Emilia (tel. 0522.335425), Castelnovo Monti (tel. 0522.617353), Montecchio (tel. 0522.860145) e Scandiano (tel. 0522.850343).

Un appello è stato rivolto anche ai cittadini perché segnalino l’eventuale avvistamento di animali malati, telefonando al numero 0522.792222 della Polizia provinciale fino alle ore 13 o al numero di emergenza, sempre della Polizia provinciale, 335.8423794 dalle 13 in poi.

L’assessore provinciale Gennari ha infine annunciato l’istituzione di un pool di esperti che saranno chiamati, nelle prossime settimane, a valutare i risultati degli accertamenti eseguiti in occasione del Piano provinciale di monitoraggio sanitario dei capriol e ad individuare gli eventuali interventi in grado di salvaguardare anche il patrimonio faunistico provinciale.