Sassuolo: resoconto Consiglio Comunale 11 Settembre

Seduta di particolare interesse quella del Consiglio Comunale svoltasi nella serata di martedì 11 Settembre presso la sala consiliare di via Pretorio che ha sancito la ripresa dei lavori consiliari dopo la pausa estiva.


Sei infatti sono state le interrogazioni presentate e discusse dai Consiglieri Comunali proponenti con i rispettivi Assessori che hanno provveduto a fornire le risposte richieste dagli interroganti.


1) Ordinanza contro chi cela il volto in pubblico.
Presentata dal consigliere e capogruppo di Alleanza Nazionale Luca Caselli, questa interrogazione, premettendo la segnalazione giunta al consigliere di diverse presenze femminili nel territorio cittadino, completamente coperte sul volto e richiedendo quindi una sanzione, attraverso un’ordinanza specifica comunale, contro tale comportamento, ritenuto illegittimo, sulla base del testo unico di Pubblica Sicurezza.
Il Sindaco Graziano Pattuzzi, premettendo di non aver ricevuto alcuna segnalazione di presenze di questo tipo, cioè di donne dal volto completamente celato, ha precisato che si tratta di un tema estremamente delicato, dove vengono coinvolte le sfere di appartenenza religiosa e manifestazione sociale, in particolar modo legate anche alle scelte di liberà religiosa della donna, dove è necessario rimettersi alle normative nazionali in merito.
Pattuzzi, sottolineando come l’ultima modifica del T.U.L.P.S. risalga al lontano 1975, ha ricordato una recente sentenza normativa in merito del T.A.R del 2004 che sanciva il non –obbligo di mantenere il viso scoperto in luoghi pubblici. Il TULPS prescrive il divieto “dell’uso della maschera nei teatri e negli altri luoghi aperti al pubblico, tranne nelle epoche e con l’osservanza delle condizioni che possono essere stabilite dall’aiìutorità locale di pubblica sicurezza con apposito manifesto”. Il Testo stabilisce che il contravventore sia punito “con la sanzione amministrativa da lire 20.000 a lire 200.000”. In questo quadro normativo, in assenza di diverse disposizioni da parte degli organi competenti (Prefettura e Ministero degli interni), ai quali il sindaco è gerarchicamente subordinato, ogni eventuale provvedimento sindacale risulterebbe fondato su una mera interpretazione della normativa vigente e non sull’osservanza di una Legge che non dice nulla al riguardo.
Il riferimento non può attualmente che essere infatti il precedente della sentenza del TAR di Pordenone riguardo l’ordinanza del sindaco di Azzano Decimo (peraltro citata dalle interrogazioni parlamentari), vale a dire che “un generale divieto di circolare in pubblico indossando tali coperture può derivare solo da una norma di legge che lo specifichi”.
Luca Caselli non si è dichiarato soddisfatto della risposta ricevuta dal Sindaco in merito.

2) Un’interrogazione presentata sempre dal consigliere Luca Caselli era volta a conoscere dove fosse stato attualmente collocato il portone d’ingresso seicentesco dell’Asilo S. Anna, rimosso dalla struttura.
Sandro Morini, assessore ai Lavori Pubblici ha spiegato come, a seguito dei lavori di restauro, il portone stesso – di alcun valore artistico – abbia dovuto essere rimosso per permettere di portare a livello il terreno dell’ingresso della struttura, con al necessità funzionale di inserire una nuova, più adatta porta d’accesso.Tutto il progetto ha avuto l’autorizzazione della Soprintendenza interessata.
Attualmente il portone si trova collocato nei magazzini comunali.
Luca Caselli non si è dichiarato soddisfatto della risposta ricevuta e ha chiesto di poter visionare il manufatto personalmente.

3) Aiuti economici destinati all’AVAP.
Questa interrogazione presentata dal Consigliere Paolo Vincenzi è volta a richiedere complessivi chiarimenti sulla situazione relativa all’AVAP sassolese l’Associazione di volontariato in ambito socio-sanitario, coinvolta in una vicenda non positiva in merito presunte irregolarità nella gestione economica….
Vincenzi ha pertanto richiesto chiarimenti in particolare sulle cifre elargite all’Associazione dal Comune e sui rapporti dell’Ente locale con la stessa.
Il Sindaco Graziano Pattuzzi,premettendo che le notizie sono state apprese dalla stampa e seguite con attenzione mano a mano che la vicenda assumeva connotati sempre più gravi che hanno poi condotto alla sospensione dei vertici della sezione locale da parte dei vertici Regionali della stessa, ha precisato quanto segue:
AVAP è iscritta al registro provinciale dal 9.4.2002. Nel 2004, con delibera di giunta n. 4 del 13 gennaio, venne decisa l’assegnazione di locali di proprietà comunale in via San Simone (comodato reg. 2805 del 2.5.2005). Attualmente sono stati assegnati ad Avap i locali di proprietà del Comune di Sassuolo, situati in Via Radici in Piano, 441 in esecuzione della delibera di giunta n. 42 del 27.2.2007, a seguito di riscontrata inadeguatezza dei locali precedentemente assegnati (contratto di comodato gratuito stipulato in data 13 3 2007 Reg 46, da Società Sassuolo Gestioni Patrimoniali s.r.l., concessionaria dei locali).
Negli anni 2003/2004/2005/2006 sono stati erogati contributi su iniziative di tipo straordinario e non continuativo.
Nel 2006 è stata formalizzata una collaborazione di tipo continuativo per lo svolgimento del servizio di trasporto assistito per disabili ed emodializzati, mediante stipula di apposita convenzione come previsto dalla Legge Regionale n.12 del 2005 (Reg 3035 stipulata il 24 luglio per il periodo fino al 31.12 2006; importo totale di € 16.600).
La collaborazione è proseguita per il 2007, con stipula di analoga convenzione (reg 3139 stipulata il 4 luglio, importo totale € 20.000,00).
La convenzione prevede infatti che la richiesta di liquidazione sia accompagnata da un prospetto giornaliero che riassuma i servizi effettuati (orario di inizio e fine, numero dei chilometri percorsi e attestazione di regolare esecuzione).
Nell’anno 2007, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 22.05.2007, è stata disposta, inoltre, l’erogazione di contributo di € 15.000,00, per lo svolgimento dell’attività ordinaria annuale, ai sensi del vigente Regolamento dei contributi e con le modalità ivi previste (presentazione del bilancio e rendicontazione delle attività).
Il Sindaco Pattuzzi ha inoltre puntualizzato come egli stesso abbia ricevuto conferme dai vertici nazionali e regionali dell’ A.N.P.A.S.S. e dell’A.V.A.P. su una prossima assemblea aperta dove si possa fare chiarezza su quanto accaduto.

Decisioni che, ha concluso Pattuzzi nell’auspicio di una soluzione positiva per il futuro dell’Associazione, sono di competenza esclusiva dei dirigenti e dei soci volontari della stessa.
Non soddisfatto della risposta ricevuta, si è dichiarato il Consigliere.

4) Gian Francesco Menani capogruppo della Lega Nord ha chiesto chiarimenti in merito allo stato di fatto della situazione relativa alla prevista Alienazione della sede del Circolo Rometta 81, chiedendo risposte precise sul futuro della struttura che a giudizio di Menani può essere ristrutturata e del circolo, di cui era stata annunciata l’alienazione dai beni di proprietà comunale.
L’Assessore ai Lavori Pubblici, Sandro Morini ha fornito i chiarimenti richiesti in merito alle questioni sollevate, ricordando come, prima di tutto, fosse stato l’intero Consiglio ad approvare, con il piano delle alienazioni contenuto nel documento di Bilancio, tale vendita.
Morini ha poi spiegato che il confronto con i soci del Circolo proseguirà.
Il Sindaco, ampliando l’intervento dell’Assessore ha dichiarato che per ora la prevista vendita/alienazione della sede del Circolo è sospesa, per quanto riguarda il Bilancio 2008. In attesa, tuttavia, ha ricordato lo stesso Pattuzzi di individuare con il Circolo stesso, soluzioni alternative per il mantenimento di una struttura dalle levate valenze sociali nell’area di Rometta.
Soluzioni, ha sottolineato il Sindaco che, nella prima tornata del confronto, non sono risultate soddisfacenti.
Menani non si è dichiarato soddisfatto della risposta ricevuta.

5) Il Consigliere Paolo Vincenzi di Forza Italia ha invece interrogato l’Amministrazione per sapere come mai presso le piste ciclabili, i tagli effettuati sulla sede stradale lascino tracce che rovinano del tutto le coperture e i supporti indicativi delle suddette piste.
Vincenzi ha ricordato varie situazioni (viale della Pace, via Radici in Monte, etc..).
L’Assessore ai Lavori Pubblici, Sandro Morini, sottolineando la difficoltà di questo tipo di interventi sulle sedi stradali, gli ultimi dei quali sono sati resi necessari e richiesti dal Consorzio di bonifica Parmigiana – Moglia per un deflusso delle acque dei canali sotterranei interessati.
E’un problema a cui i vari livelli (Amministrazione Comunale, Sat che effettua la gran parte dei tagli in questione e ditte incaricate) stanno mettendo mano e al riguardo oltre alla cauzione prevista richiesta , è stato inserito un sovraprezzo per far sì che si possano effettuare gli interventi di ripristino necessari.
Il Consigliere si è dichiarato non soddisfatto della risposta fornitagli.

6) G. F. Menani della Lega Nord ha poi chiesto chiarimenti in merito allo stato in cui versa attualmente il Parco Boccaccio, nella zona di Pontenuovo,di cui una porzione, compresa tra la stessa via ed una seconda, da destinarsi a verde pubblico e parcheggio di pertinenza, risulti oggi ancora abbandonato e privo delle strutture previste.
L’Assessore Morini ha spiegato come questo intervento, già previsto in quest’anno, viene invece inserito nella programmazione degli interventi dei Lavori Pubblici del 2007 – 08. Il Consigliere si è dichiarato non soddisfatto della risposta fornitagli.
Sulla base della Costituzione del gruppo “Democrazia è Libertà” sono poi stati aggiornati i componenti delle varie Commissioni Consiliari, dove sono entrati Antonio Caselli e Corrado Scalabrini.

Al termine delle interrogazioni previste svolte e nella seduta, la Presidente del Consiglio Comunale, Patrizia Barbolini ha ricordato in occasione della giornata, il sesto anniversario dell’attentato alle torri gemelle di New York, celebrato in tutto il mondo, in questo stesso giorno.
Il Consiglio Comunale ha osservato un minuto di silenzio, in raccoglimento per onorare la memoria delle vittime di quel terribile avvenimento.
Per gli americani le stragi dell’11settembre sono come l’assassinio di John F. Kennedy o lo sbarco sulla Luna: novantotto cittadini Usa su cento ricordano esattamente dov’erano e cosa facevano al momento degli attentati che hanno cambiato la storia del mondo. 6 anni dall’11 settembre 2001, il giorno che cambio’ la storia dell’America e del mondo .. Il bilancio, tragico, e’ stato di 2.973 vittime, alle quali si aggiungono i 19 terroristi che scagliarono l’attacco.
Ma nessuno nel mondo puo’ dire di non essere stato profondamente cambiato da quel momento terribile….
Il minuto di silenzio ha così voluto esprimere simbolicamente una doppia esigenza: non dimenticare la barbarie del terrorismo e dell’odio e credere e impegnarsi per la costruzione di un mondo dove i valori della libertà, della solidarietà, della pace, della giustizia, dell’uguaglianza siano effettivi e concreti per tutte le persone.

Altre due importanti figure, recentemente scomparse, sono state commemorate dalla Presidente e dal Sindaco a nome di tutta l’assise consiliare: Luciano Pavarotti, il grande artista modenese che anche molti sassolesi , all’inizio della sua poi incredibile carriera, videro esibirsi in un’opera agli esordi.
E’ stato ricordato che ci ha lasciato uno dei più grandi personaggi di sempre, un uomo e un artista che come pochi ha saputo portare in tutto il mondo l’allegria, le capacità, il cuore di Modena e più in generale di tutta la nostra Emilia, di cui da sempre è stato felicissimo ambasciatore, aiutando in molteplici occasioni ed iniziative di grande portata volte alla beneficenza (i progetti per l’africa e per l’infanzia, chi non ha usufruito nella vita, di condizioni positive.
La comunità sassolese ha poi subito una grave perdita alla fine dello scorso mese di agosto, con la scomparsa di Padre Colusso.
Con Padre Giovan Battista Colusso , morto nella notte tra il 23 e il 24 Agosto scorsi, se ne va un pezzo della storia di Sassuolo e della parrocchia della Consolata in particolare.
Anche se dal 1998 risiedeva a S.Valentino, in comune di Castellarano, dopo essere stato chiamato a reggere la parrocchia, tutta Sassuolo ricorda la sua forza, il suo coraggio, la sua intraprendenza e soprattutto il suo amore per i giovani, la passione con la quale dedicava a loro la maggior parte del proprio tempo.
Era originario di San Michele al Tagliamento, dov’era nato quinto di nove fratelli il 4 novembre del 1915, ma era sassolese da almeno un cinquantennio.
Nel 1961 fu tra i padri fondatori della parrocchia di Pontenuovo, che poi guidò per quasi quarant’anni.
Per i giovani volle il “Foyer”, un centro che ha anticipato di almeno un ventennio le esigenze oggi conosciute come “politiche giovanili”. Al “Foyer” si andava per pregare e meditare , ma anche per passare giornate i n comunione e se il tempo lo permetteva, lunghe serate di giochi e canzoni attorno ad un fuoco.
Nel 1998, venne chiamato a guidare la parrocchia di S .Valentino di Castellarano, che dal ’92 era rimasta senza parroco residente. Una sfida che padre Colusso accettò ad 83 anni con lo slancio di un ventenne.

Ultimo punto svolto nella seduta era relativo ad un ODG, già iscritto nel 2006 e giunto ora alla discussione relativa, presentato dal Capogruppo di Forza Italia.
Ugo Liberi per la più ferma condanna dei gruppi estremistici palestinesi che sono responsabili dei gravi attentati contro Israele (minacciato nella sua esistenza) e della continua crisi del conflitto mediorientale.
Concludendo l’odg per una soluzione di un conflitto auspicando una soluzione che permetta la convivenza tra due popoli e due stati (Israele e Palestina). Liberi ha sottolineato l’estrema attualità dell’ODG, sulla base di quanto sta avvenendo proprio in questi giorni in Israele, di nuovo raggiunta dai missili dei miliziani indicati nell’odg. Anche la più recente risoluzione dell’Unione Europea andava infatti in questa direzione.
Nel dibattito scaturito che ricapitoliamo in estrema sintesi, il Consiglio si è confrontato sul tema mediorientale e della sua crisi.
Ruggero Cavani, capogruppo Ds, ha chiesto di emendare un testo piuttosto vecchio, per tenere conto anche della legittima richiesta di uno stato autonomo della Palestina.Claudio Lodesani (DS) ha ricordato la drammatica presenza del muro che divide in due, con conseguenze drammatiche ed inaccettabili, lo stesso territorio palestinese.
Anche per Antonio Caselli e successivamente Corrado Scvalabrini (Margherita erano necessari alcuni emendamenti per aggiornare un testo che poteva tralasciare passaggi relativi a responsabilità di altri stati e di asettori dell’informazione.
Fulvio Bonvicini, (Margherita – Per Pattuzzi) pur dichiarandosi in accordo con lo spirito degli emendamenti richiesti da Caselli e Scalabrini, ha annunciato il suo voto di astensione.
Mario Cardone del Gruppo Misto ha ricordato la cronistoria degli avvenimenti tragici che dalla seconda metà del secolo scorso hanno portato alla creazione di uno stato quello Israeliano e delal questione, via via sempre più tragica delal Palestina e si è dichiarato a favore dell’odg di Liberi.
Gabriele Giovanardi, gruppo misto ha invece sottolineato con forza la necessità di operare una cesura netta, per la più ferma condanna delle espressioni terroristiche ed estremistiche di matrice palestinese e così nettamente collegate al fanatismo religioso islamico.
Rocco Capuozzo di Rifondazione Com.Ta ha invece ricordato un altro anniversario, quello dell’11 Settembre in Cile che , con il colpo di stato militare causò ben 30.000 fra morti e desaparecidos, si è dichiarato contrario a questo odg.
Liberi, in conclusione, accettando gli emendamenti proposti che andavano nella direzione di alleggerire una parte del testo, ma mantenendo le finalità della proposta, ha accettato di porre ai voti l’odg emendato.
L’ODG, così emendato, non ha tuttavia raggiunto la maggioranza dei voti necessaria per l’approvazione ed è stato respinto con il seguente esito:
favorevoli: Forza Italia, UDC, Antonio Caselli e Corrado Scalabrini (La Margherita Democrazia è Libertà), AN, Giovanardi e Cardone del Gruppo Misto. Astenuti: Gruppo DS, Bonvicini (Uniti per Pattuzzi). Contrari: Capuozzo (Rifondazione Com.ta). Non hanno partecipato al voto Usai (PDCI) e Caserta (Gruppo Misto).

I lavori del Consiglio riprenderanno con la prossima seduta prevista prima della fine del corrente mese di settembre.