Modena: zona Gramsci-Canaletto più bella con un nuovo bando

Aria nuova nella zona di viale Gramsci e via Canaletto: da oggi è aperto il bando pubblico con il quale il Comune di Modena mette a disposizione 110 mila euro di contributi a fondo perduto per gli operatori economici della zona che intendono riqualificare locali e negozi. I contributi possono essere richiesti fino al 15 novembre dai titolari di attività commerciali, produttive, servizi, locali e circoli dell’area.

Le opere per le quali si richiede il contributo, che dovranno essere realizzate entro un anno, possono essere di riqualificazione esterna, interna oppure organizzativa: dalla sostituzione di vetrine, tende e insegne all’acquisto di impianti, attrezzature o arredi, ma anche formazione del personale, spese di consulenza e assistenza, rinnovo della strumentazione informatica e altri interventi simili.
“Quello della zona di via Canaletto e via Gramsci è il primo bando di riqualificazione che promuoviamo per un’area fuori dal centro storico”, spiega l’assessore alle Politiche economiche Stefano Prampolini: “in accordo con la Circoscrizione 2 e l’Associazione Viale Gramsci, abbiamo deciso di aiutare economicamente gli imprenditori e i commercianti che vogliono migliorare attività e locali dal punto di vista estetico, funzionale oppure organizzativo. L’idea”, aggiunge l’assessore, “è quella di sostenere il commercio di vicinato per la sua rilevanza sociale e di presidio. Inoltre, abbiamo riformulato il bando per renderlo più facile da compilare rispetto ai precedenti”.

Le vie interessate dal bando sono strada Attiraglio, strada Canaletto Sud, via Grandi, via Buozzi, via Diena, via Teglio, via di Vittorio, via Toniolo, via Pio Donati, viale del Mercato, viale Gramsci, via del Lancillotto, via Spaccini, via Fanti e via Due Canali sud.
Il contributo concesso dall’assessorato alle Politiche economiche del Comune di Modena potrà essere del 20% per investimenti fino a 3000 euro, del 25% per gli investimenti da 3000 a 5000 euro; a chi investirà tra i 5000 e gli 8000 euro si potrà concedere fino al 30% di contributo e per chi supera gli 8000 euro si potrà arrivare al 35%, fino a un massimo di 15000 euro di contributo per ciascun beneficiario. Le spese previste non devono essere inferiori a 1000 euro, al netto dell’Iva.

Alla domanda di partecipazione, che si può scaricare dal sito web del Comune o ritirare negli uffici comunali, si deve allegare una relazione descrittiva delle iniziative previste con preventivi di spesa. I contributi a fondo perduto saranno assegnati fino a esaurimento del fondo, privilegiando nella distribuzione delle risorse gli investimenti più consistenti, e saranno erogati in un’unica soluzione dopo la presentazione del rendiconto delle spese sostenute. Ogni variante alle iniziative previste dovrà essere comunicata e approvata dal Comune.

Le domande si possono presentare entro giovedì 15 novembre all’Ufficio progetti economici, Servizio attività economiche e commercio del Comune di Modena in via Santi 40 al quinto piano: sulla busta, che si può inviare come raccomandata oppure consegnare a mano, dal lunedì al venerdì tra le 10.30 e le 12.30, dovrà essere riportata la dicitura “Fondo riqualificazione Gramsci – Canaletto”.

Il testo integrale del bando e gli allegati sono disponibili on line, all’Ufficio relazioni con il pubblico di piazza Grande 17, alla portineria degli uffici comunali di via Santi 40 e alla sede della Circoscrizione 2 in via Nonantolana 685. Per informazioni si può prendere un appuntamento all’Ufficio progetti economici, 059 2032528, e-mail. Il testo del bando è disponibile anche rivolgendosi alle sedi delle associazioni di categoria Ascom Confcommercio, Confesercenti, Lapam Licom e Cna. Il 10 dicembre i risultati saranno affissi all’Albo pretorio, pubblicati sul sito internet del Comune e comunicati ai partecipanti con raccomandata. Il 25 settembre alle 12 il bando pubblico di riqualificazione sarà presentato a tutti gli operatori dell’area al Bar Ballantine di Viale Gramsci 64, alla presenza dell’assessore Stefano Prampolini, del presidente della Circoscrizione 2 Fabio Carpentieri e della presidente dell’Associazione viale Gramsci Paola Paltrinieri.