Formigine: ‘Devo’ il cortometraggio dello Spazio Giovani Centro Anch’io

E’ attesa da molti ragazzi di Formigine la proiezione di “Devo”, il primo cortometraggio realizzato dallo Spazio Giovani Centro Anch’io, che si terrà questa sera alle 21 presso la corte della sede municipale, in via Unità d’Italia 26.

“Il corto è frutto di due laboratori organizzati dall’Assessorato alle Politiche Giovanili – afferma l’Assessore Luigi Ferrari – Il primo laboratorio, in collaborazione con l’Associazione Strokomogoloff, ha affrontato tematiche legate alla tecnica di produzione, organizzazione di produzione, fotografia, montaggio, tecnica del suono e sceneggiatura; mentre il secondo, in collaborazione con l’Associazione Il Flauto Magico, ha proposto un percorso introduttivo all’arte drammatica. Al termine dei corsi, i due gruppi si sono uniti: i ragazzi addetti alla produzione hanno esaminato i nove aspiranti attori attraverso un casting, poi hanno proceduto con la realizzazione e il montaggio”.

Le riprese sono state effettuate il 7 e l’8 luglio presso luoghi suggestivi del territorio comunale quali Villa Bonacini, a Casinalbo, e Villa Valdrighi, in centro a Formigine. Due giorni intensissimi per la trentina di persone coinvolte che hanno vissuto tutte le emozioni e le responsabilità che un set cinematografico comporta.
“Ho avuto la possibilità di vivere un vero e proprio set – afferma il protagonista Marcello Maletti – Studiare il copione, concentrarsi, entrare nel personaggio, provare con i miei compagni e compagne di corso… Sono state due giornate intense, piene di riprese impegnative e divertenti con cambi di scena e ripetizioni su ripetizioni. In futuro? Chi lo sa! Intanto godiamoci il successo e
la soddisfazione per il nostro Devo”.

Quali sono i contenuti di Devo? A parlarcene è Christian Cavazzutti, che ha scritto la sceneggiatura e curato la regia: “La storia del corto nasce dall’osservazione della nostra società benestante, nella quale i ragazzi, pur avendo molte cose a propria disposizione, cercano ognuno una propria soddisfazione o conforto. Tutto questo cercare è sintomo della mancanza di un’idea, di un progetto da portare avanti e di vedere realizzato. A questo mondo, si contrappone un ragazzo semplice, libero di pensare e di sognare…”.
La serata continua presso Anfitrion con aperitivo e DJ set.