Riccione: il Ministro Bianchi a ‘Le Giornate della Polizia Locale’

Oltre 2.000 Comandanti, Ufficiali e Agenti di Polizia Municipale, Dirigenti, Amministratori e Funzionari degli Enti Locali, si sono dati appuntamento oggi a Riccione per partecipare alla più prestigiosa ed importante occasione di confronto a livello nazionale per tutti gli operatori del settore: la 26° edizione de Le Giornate della Polizia Local , organizzate dal Gruppo Maggioli e promosse dall’Anci (Associazione Nazionale Comuni d?Italia), con il Patrocinio del Ministero dell’Interno, dell’UPI (Unione Province Italiane), della Provincia di Rimini e del Comune di Riccione , per un momento di formazione ed aggiornamento su normative, strumenti e modalità operative.

E per lanciare un nuovo appello al Governo rispetto all’urgenza di una riforma in grado di riconoscere alla Polizia Locale un ruolo pieno e autonomo di pubblica sicurezza e non solo accessorio e quasi esclusivamente di polizia stradale.

Ad aprire l’attività convegnistica è intervenuto il Sindaco di Riccione, Daniele Imola, impegnato in prima persona nel combattere le piaghe dell’abusivismo commerciale, della prostituzione, dell’abuso di droga nel territorio riccionese: “La riforma della polizia locale è sempre più urgente – ha dichiarato Imola – E’ necessaria una semplificazione per ottenere un cambiamento reale delle polizie locali: bisogna superare la frammentazione esagerata delle forze dell’ordine per rispondere con efficienza alla domanda di sicurezza e di convivenza civile dei cittadini”.

“Sei diverse divise (Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Polizia Municipale, Capitaneria di Porto, Corpo Forestale) – ha continuato il sindaco – che si suddividono in altre decine di corpi con autonomie operative e gestionali difficilmente possono portare ad una efficace collaborazione, invece necessaria per implementare un sistema in grado di garantire la sicurezza ai singoli cittadini. Sarebbero, invece, sufficienti – ha concluso Imola – due grandi polizie: una ad occuparsi della difesa dell’integrità nazionale e l’altra a difesa della convivenza civile delle comunità locali”.

E’ poi intervenuto Orazio Ciliberti, Vicepresidente Anci, delegato per le politiche della sicurezza e polizia amministrativa, che ha lanciato un appello sulla necessità di una riforma strutturale in grado di recuperare il necessario livello tecnico al tema della sicurezza, lasciando da parte definizioni demagogiche o semplicistiche.

“Città sovraccaricate di tensioni sociali e cittadini bisognosi di sentirsi sicuri e protetti: l’ambiente urbano sta diventando sempre più una discarica di problemi generati a livello globale, come l’immigrazione, i traffici illeciti, la congiuntura economica, la disoccupazione, le nuove povertà.- ha dichiarato Ciliberti – Ecco che in questo scenario, i governi locali sono chiamati a trovare soluzioni locali a contraddizioni globali, per dare risposte serie e adeguate, in termini di prevenzione e di contrasto alla domanda di sicurezza dei cittadini”.

“Dunque, incontri come quello di oggi – ha concluso Ciliberti – sono utili anche da un punto di vista propositivo. Infatti, troppo spesso gli amministratori locali sono costretti ad emettere provvedimenti ad hoc al limite della costituzionalità formale per far fronte a nuovi fenomeni di criminalità, con la conseguenza di generare uno stato di confusione delle competenze”.

L’attività convegnistica è, poi, proseguita con la tavola-rotonda dal titolo “La Polizia Locale tra percezione e realtà”: un incontro volto ad analizzare come viene percepita dai cittadini la Polizia Locale sulla base di un sondaggio Doxa e, dunque, sulla necessità di ricercare e realizzare una efficace comunicazione esterna, in grado di rafforzare il ruolo della Polizia Locale, in un particolare momento in cui cittadini ed istituzioni sempre più richiedono il suo pieno coinvolgimento in un sistema integrato di sicurezza urbana e del territorio.
Nel corso della mattinata si è tenuta anche la consegna della terza edizione del “Premio Nazionale Sicurezza Urbana”, che l’Anci, con il patrocinio del Ministero dell’interno, ha conferito a personale delle polizie municipali (singoli e/o reparti), per attività di servizio particolarmente meritevoli. In particolare, sono stati premiati i seguenti comandi di polizia: Corpo di Polizia Intercomunale di Albano S. Alessandro (BG); Corpo di Polizia Municipale di San Giovanni in Persiceto (BO); Corpo di Polizia Municipale di Nardò (LE); Corpo di Polizia Intercomunale di Darfo Boario Terme (BS); Corpo di Polizia Comunale di Mantova; Corpo di Polizia Municipale di Torino.

Grande attesa domani per la partecipazione del Ministro Bianchi, all’interno della sessione a cura del Ministero dei Trasporti, che affronterà il tema di grande attualità legato alla riforma del codice della strada.