Moto: Honda conferma Pedrosa per due anni

Daniel Pedrosa resterà pilota del team ufficiale Honda Repsol per altre due stagioni al fianco dello statunitense Nicky Hayden nella MotoGp. L’hanno
annunciato lo stesso Pedrosa e Masumi Hamane, presidente di Honda Racing Corporation a Motegi nel corso di una conferenza stampa a margine delle prove del Gp del Giappone.


”Sono molto felice di aver rinnovato il mio contratto con la Honda – ha commentato il ventunenne pilota iberico, che con Honda s’era laureato campione del mondo delle classi 125 (2003) e 250 (2004 e 2005) prima di passare alla massima cilindrata – e sia io sia la Honda abbiamo deciso che la scelta migliore fosse quella di proseguire il nostro rapporto per il futuro. E’ stata comunque una decisione difficile da prendere ma ho chiesto per il futuro maggior qualità del materiale a mia disposizione e maggiori prestazioni”.

Una decisione che Pedrosa non avrebbe preso in un recente passato. Com’è riuscita la Honda a
convincere il pilota, dopo tutte le esternazioni e qualche non molto velata minaccia di cambio di casacca da parte del tre volte iridato?
”Principalmente ho solo chiesto a Pedrosa di
ragionare con onestà – ha replicato Hamane – e di guardare al futuro serenamente. Così ho convinto Pedrosa a restare in Honda”.

Forse è stato promesso all’iberico, pupillo del
munifico sponsor Repsol, colosso spagnolo-argentino del petrolio, un ruolo di prima guida. Forse gli è stata data carta bianca anche sulle scelta delle gomme.

”Non abbiamo deciso nulla in merito – ha precisato il presidente di Hrc – ma è nostra intenzione lasciare la scelta degli pneumatici al pilota anche se la nostra intenzione sarebbe quella di continuare la
relazione che abbiamo con Michelin”.