Operatori indiani in missione economica oggi a Bologna



E’ iniziata, con una serie di incontri con la business community dell’Emilia Romagna, la missione in Italia, dal 24 al 28 settembre, di un’importante delegazione multisettoriale di operatori indiani nel quadro di Namaste India, il maggiore degli eventi organizzati dalla Indo Italian Chamber of Commerce and Industry (IICCI) per promuovere le relazioni economiche e culturali tra i due Paesi.


L’iniziativa, iniziata oggi da Bologna, punta ad alimentare l’interscambio con i settori d’eccellenza dell’economia regionale: in particolare Trasformazione alimentare e Ingegneria meccanica, Infrastrutture e Ambiente, Auto e Design industriale. Si tratta infatti di settori vitali per l’economia indiana, perchè dal loro sviluppo dipenderà la capacità del subcontinente di mantenere l’eccezionale tasso di crescita degli ultimi anni.
Obiettivo della missione è dunque di presentare agli operatori dell’Emilia Romagna le particolari opportunità offerte da un mercato straordinariamente vasto come quello indiano in settori su cui Nuova Delhi sta per di più investendo enormi capitali.

La delegazione rappresenta in particolare governo e operatori del Maharastra e del Karnataka, due degli stati tecnologicamente più avanzati.
Il primo, come noto, ha per capitale Bombay (oggi Mumbai), l’altro Bangalore, moderna metropoli al centro di un distretto già famoso per l’elettronica, adesso anche per le biotecnologie. Per la tappa bolognese sono previste una serie di visite ad aziende e centri tecnologici, oltre a un centinaio di incontri personalizzati tra operatori,.

Attualmente (dati 2006) le esportazioni dall’Emilia Romagna verso l’India sfiorano i 290 milioni di Euro grazie in particolare all’eccellente performance dei prodotti trasformati e dei manufatti che negli ultimi due anni hanno registrato un’impennata del 44,2% e 21,8%.

L’import si è invece attestato sui 282 milioni di euro con un + 21,7% e + 33,1% negli ultimi due anni.

Dopo Bologna la delegazione visiterà Torino per i settori Auto e Design industriale, Firenze per Biotecnologie e Ict, Venezia e Vicenza per Ingegneria meccanica e Infrastrutture, Napoli per la Gioielleria, Milano praticamente per tutti i settori, Tessile-Abbigliamento compreso.