Modena: contributi veicoli elettrici, sondaggio tra i richiedenti



Qual è l’identikit dei cittadini che richiedono contributi comunali per l’acquisto di veicoli elettrici? Cosa ne pensano dell’iniziativa comunale? Quali problemi hanno affrontato nell’uso quotidiano di questi veicoli? Come sono usati? Come sono stati integrati nella dotazione familiare dei mezzi a motore? A queste e a tante altre domande saranno chiamati a rispondere circa 500 cittadini, un ampio campione dell’intero universo dei 2.350 che hanno ricevuto fino ad ora il contributo comunale, coinvolti nel sondaggio telefonico che da martedì 9 ottobre sarà condotto dalla società Mela’s Service per conto del Comune.


L’obiettivo dell’iniziativa è conoscere le criticità dell’uso dei veicoli elettrici, ma anche le esigenze di questo particolare gruppo di utenti della mobilità, per trovare soluzioni innovative e soddisfacenti e aumentare ulteriormente il numero di utenti.
Fra le numerose iniziative finalizzate alla promozione della mobilità sostenibile, quella degli incentivi comunali per l’acquisto e l’uso dei veicoli elettrici si è dimostrata particolarmente lungimirante e destinata ad un consenso pubblico molto vasto e crescente. Basti un dato su tutti: da gennaio 2001, infatti, il Comune ha erogato oltre 2.350 contributi per l’acquisto dei mezzi elettrici, soprattutto biciclette (96% sul totale), ma anche per ciclomotori ed autoveicoli.

Il successo del progetto modenese risulta tanto più eclatante quanto più si consideri che in Italia sono solo una ventina le città che hanno intrapreso questo stesso percorso e nessuna con il medesimo risultato. E se ai veicoli elettrici acquistati con l’incentivo si aggiungono quelli acquistati senza incentivo da parte dei non residenti, la stima dei mezzi circolanti supera certamente le 3.000 unità, circa il 2,5% sul totale cittadino.
I vantaggi conseguiti sono ormai significativi: una riduzione delle emissioni inquinanti nell’atmosfera e dei costi di gestione della mobilità per le famiglie (20 km elettrici vengono a costare circa 0,20 euro), particolarmente importante in tempi di prezzo della benzina stabilmente sopra 1,30 euro al litro.
Sulla base di questi dati, l’Amministrazione comunale intende continuare a sostenere l’iniziativa senza soluzione di continuità. Solo nel 2007, sono già stati stanziati 140.000 euro e altri 45.000 euro sono attesi nelle prossime settimane per fronteggiare le domande che saranno presentate nell’ultimo trimestre dell’anno.