Sassuolo: danni nei parchi sassolesi anche questo inverno


Anche in questo periodo invernale diversi parchi sassolesi sono oggetto di continui danneggiamenti e atti di vandalismo. Il caso più grave riguarda il parco Vistarino, dove sono stati nuovamente resi inservibili i cancelli, che da dicembre sono dotati di sistema di apertura automatico.

Forse, in parte, per mancanza di abitudine alla novità due cancelli sono stati gravemente danneggiati. L’entrata su piazzale Porrino è stata addirittura divelta, con rottura di una parte del muro antico del voltone, che potrebbe richiedere un intervento complesso anche dal punto di vista del ripristino storico-architettonico; spezzato uno dei bracci di apertura invece per l’entrata nei pressi di via Leoncavallo.
Si ricorda a tutti che l’automatizzazione dei cancelli è stata decisa per maggiore garanzia agli utenti sulle aperture e chiusure.

Gli orari nel periodo invernale (novembre-marzo) sono stati impostati alle 7 di mattina (apertura) e alle 19.30 di sera (chiusura). Rispetto agli orari precedenti gli orari sono stati ampliati di circa 2 ore nella fascia invernale. Sugli ingressi ci sono cartelli che riportano l’orario.
Non c’è pericolo di restare chiusi nel parco: all’interno, su ciascuna delle tre colonne dei cancelli, è stato sistemato un pulsante per l’apertura “d’emergenza” (segnalato), nel caso in cui qualcuno rimanga oltre l’orario di chiusura. Non c’è quindi bisogno di forzare l’apertura.
Sono state installate inoltre, su ogni cancello, oltre ai lampeggianti, delle sirene che avvisano i fruitori dell’apertura/chiusura dei cancelli. Le sirene suonano per 10 secondi, mezz’ora e un quarto d’ora prima della chiusura/apertura.
Di diverso tipo e natura sono i danni che subisce in modo ormai costante il Parco della Solidarietà di via Crispi, che è stato del tutto recuperato e riaperto al pubblico dopo un lungo lavoro, pochi mesi fa. Si tratta in questo caso di inequivocabili atti di vandalismo tra cui rovesciamento dei cestini colmi di rifiuti, scritte su ogni tavolo e arredo. Sono stati ritrovati più volte anche profilattici appesi ai giochi per i bambini.

Nell’uno e nell’altro caso è bene ricordare che il danno è per tutti i frequentatori dei parchi ma anche per l’intera cittadinanza sassolese, perché con denaro pubblico sarà necessario effettuare le riparazioni che nei casi dei cancelli automatici in particolare, sono onerose.