Mercoledì a Spezzano ‘Grandi chitarristi dell’Ottocento europeo’


Mercoledì 18 giugno, alle ore 21, con ingresso gratuito al Castello di Spezzano, nell’ambito della prima edizione della Rassegna ‘800 Musica Festival, si svolge il concerto di Philippe Villa (Francia), chitarra dell’Ottocento, su musiche di Napoléon Coste, Mauro Giuliani, Giulio Regondi, Niccolò Paganini.

Come spiega il curatore della rassegna Marco Battaglia: “Rêverie, fantasticheria, non semplice sogno, notturno, sogno notturno, forse sogno ad occhi aperti: così pare aprirsi e svilupparsi un concerto che conduce ad esplorare le potenzialità della chitarra attraverso le fascinazioni del romanticismo dei massimi compositori per il nostro strumento, il francese Coste, che in particolare con le parafrasi sui temi belliniani della Norma è di grande efficacia spettacolare, e l’ungherese Mertz il cui brano in programma è uno struggente canto venato da slanci di virtuosismo, “cifra” della Rossiniana dell’ineguagliabile Giuliani, il grande classico. Tutto un alternarsi di momenti di grande impegno tecnico, di bravurismo anche il brano di Regondi, il chitarrista dei sentimenti sublimi e a tratti dell’esacerbazione del sentimento. Nel finale il migliore dei brani del Paganini che si cimenta sulle sei corde ci pone di fronte ad una miniera di interessantissime invenzioni strumentali in cui l’interprete ha l’opportunità di esibire una grande tavolozza di tecnica e di espressività.


Philippe Villa è considerato uno dei più brillanti chitarristi francesi della sua generazione. E’ uno specialista del repertorio classico e romantico e suona su strumenti ottocenteschi e contemporanei. Ha sperimentato inoltre la contaminazione con strumenti tradizionali, dedicandosi anche all’improvvisazione e alla musica da camera. E’ stato ospite di vari festival internazionali (Vienna, Milano, Esztergom, Voronezh, Istanbul, Bangkok, Biel, Debrecen, Bratislava), le sue registrazioni e i suoi concerti hanno ricevuto riconoscimenti dalla critica che lo ha definito “un talento originale”, “un giubileo musicale” e “di rara eleganza”. Nel 2004 ha suonato con chitarra del liutaio Grobert appartenuta a Paganini e a Berlioz e conservata nel Museo della Musica di Parigi. Apprezzato docente, è stato invitato da dall’Accademia Chopin di Varsavia, a Voronezh, presso il Vienna Forum, all’Ateneo della chitarra di Milano, alla Columbia University, etc. E’ stato membro di giuria in concorsi internazionali in varie città tra cui Parma, Vienna, Rust e Magnitogorsk e ha fondato nel 1998 il Festival Internazionale della chitarra dell’Isola di Rè. Nel 2004 ha inoltre creato il Festival internazionale estivo del Périgord e, nel 2006, il Meeting Internazionale di chitarra di Saint-Michel en L’Herm. Vincitore di concorsi internazionali (Paganini, Taranto, Pujol, Milano) ha ottenuto un premio dalla Fondazione “Yehudi Menuhin” e la medaglia d’oro del Festival di Bordeaux per giovani solisti. Nel 2007 si è esibito negli Stati Uniti a Los Angeles, New York, Buffalo e Baltimora, nel 2008 è stato invitato a tenere masterclass presso la Royal Academy di Londra e a suonare nella Bolivar Hall oltre che a Oxford e Birmingham. E’ stato allievo di Betho Davezac e in seguito di Jiri Jirmal alla Musikhochschule di Saarbruecken presso la quale ha conseguito il “Konzert Diplom” con lode. E’ docente nel Conservatorio di Niort in Francia.