Ferrari e GP di Silverstone


ferrariRaikkonen: “Sviluppi nella giusta direzione”. Avevamo delle novità interessanti sulla F60 a Silverstone, fra cui una sospensione anteriore rivista e una nuova ala anteriore. Su una pista così veloce era importante capire quanto carico aerodinamico avremmo potuto avere: sicuramente possiamo dire che la macchina non era male in termini di bilanciamento ma ancora ci manca carico per poter competere con i migliori. Detto questo, le modifiche stanno andando nella giusta direzione.

Le qualifiche sembravano essere promettenti. In Q2 ero molto contento del mio giro ma poi, una volta caricata benzina, la vettura non era altrettanto buona. Partendo dalla quinta fila, il mio obiettivo era quello di raccogliere qualche punto. Per una volta ho fatto una buona partenza: il rettilineo è molto lungo ma non lo è stato abbastanza per farmi superare anche Nakajima. Sono finito sull’erba e mi sono ritrovato quinto e poi è stato davvero impossibile fare di più perché il mio primo stint era troppo corto. Non c’erano possibilità di sorpasso: sulle curve veloci di Silverstone è molto difficile rimanere nella scia di un’altra macchina, a meno che non sia due secondi più lenta, e avendo meno benzina di quasi tutti quelli che si erano qualificati fra i primi dieci la mia corsa era ormai compromessa. Alla fine ho preso un punto, che è meglio per niente, ma resta comunque un risultato deludente. Siamo al quarto posto nel campionato Costruttori e credo che questo rispetti più o meno il nostro attuale valore: ce la giochiamo per il terzo posto ma i due top team sono ancora davanti a noi in termini di prestazione. Dopo Silverstone ci aspettano due settimane piene per preparare al meglio gli ultimi due appuntamenti prima della pausa estiva, il primo dei quali si svolgerà al Nuerburgring. Avremo anche lì delle novità e, su una pista dove ci sono più curve lente e frenate rispetto a quella inglese, dovremmo essere più competitivi ma dipenderà anche da quali novità porteranno gli altri, come sempre. Voglio fare i miei complimenti a Sebastian, ha fatto davvero una grande gara. Se la Brawn dovesse avere dei problemi, allora potrebbe approfittarne: il prossimo circuito è molto diverso da Silverstone quindi vediamo come andranno le cose lì prima di trarre una conclusione.

Massa: “il Gran Premio d’Inghilterra è stata la gara più bella della stagione per me”. “Di certo, il Gran Premio d’Inghilterra è stata la gara più bella della stagione per quel che mi riguarda, anche se lo scenario appariva men che perfetto alla vigilia, visto che partivamo dall’undicesima posizione. Ma dopo abbiamo programmato una grande strategia e sono stato in grado di correre con un ottimo passo fino ad arrivare quarto. Non sembrava una situazione promettente, a giudicare dai risultati delle prove libere e delle qualifiche: ad oggi ci sono due squadre, la Brawn e la Red Bull, che sono davanti a tutti e dietro di loro ci sono tre squadre che lottano l’una contro l’altra e che sono molto vicine. Quindi, se per una qualunque ragione, la tua vettura è più lenta di uno o due decimi rispetto alle altre di quel gruppo, allora sai di essere dietro e questo ti fa scendere di molto nell’ordine di classifica. Questa è stata la situazione sia in qualifica che durante la gara, abbiamo ritrovato quei decimi perduti ed eravamo davanti al gruppo. “Se, per una qualche ragione, non fai il giro perfetto in qualifica, puoi avere difficoltà a passare in Q3. Ma, ad essere onesti, l’errore di guida che ho fatto nelle qualifiche del sabato a Silverstone durante la Q2 è andato a nostro vantaggio, perchè sono stato in grado di scegliere la strategia che desideravamo in termini di carico di benzina. Ed essere in grado di fare questo ci ha portato un vantaggio maggiore di quanto avremmo avuto se mi fossi qualificato per la Q3 e fossi partito dal nono posto, per esempio, avrei dovuto adottare una strategia simile a quelli che erano direttamente davanti a me, quindi questo fattore ha decisamente contribuito a darmi la possibilità di arrivare quarto. “Questo fine settimana a Silverstone, Ferrari è stata l’unica squadra ad usare il KERS. Continueremo ad usarlo, perchè la nostra vettura è stata disegnata attorno a questa componente e lo useremo probabilmente fino al resto della stagione in corsa. Sviluppare il KERS costa molti soldi e ci siamo ritrovati con una vettura che non era abbastanza veloce. Il KERS è stato utile sia a me che a Kimi, specialmente durante la partenza delle gare, ma in qualche modo, forse se la nostra vettura fosse stata migliore e fossimo partiti dalla prima fila, allora forse non avremmo avuto così tanto bisogno del KERS per risalire la classifica! Per quel che riguarda le nuove componenti che abbiamo portato a Silverstone, forse il nostro sviluppo non è stato abbastanza avanzato, se guardiamo a come si sono portate avanti alcune squadre. Dobbiamo continuare a lavorare e cercare di portare nuovi sviluppi per le prossime gare se possiamo, ma forse stiamo incontrando i limiti della vettura di cui disponiamo. Certamente, si può sempre migliorare una macchina, ma forse adesso, il lavoro sulla vettura dell’anno prossimo dovrebbe essere la nostra preoccupazione principale. Dobbiamo comunque continuare a migliorare la F60, perché alcuni elementi possono essere usati da un anno all’altro, oppure la vettura di quest’anno potrebbe essere utilizzata per cercare nuove idee per il 2010 qualora il regolamento sarà simile a quello di quest’anno. “La prossima gara sarà al Nuerburgring, dove non abbiamo corso negli ultimi due anni. Ricordo ancora l’evento del 2007, dove ho fatto una grande gara e dove avrei potuto vincere se non avesse piovuto negli ultimi giri, quando ho avuto delle difficoltà con le mie gomme da bagnato che creavano troppe vibrazioni. Questo permise ad Alonso di avvicinarsi e ci fu una bella lotta, poi ci siamo toccati e mi ha superato, così ho dovuto accontentarmi del secondo posto. E’ stato un vero peccato visto che avevo la gara praticamente in mano finchè le condizioni non sono cambiate. Nonostante questo è stato un ottimo risultato e ho mostrato di avere un buon passo, facendo segnare il giro più veloce. Visto che non ci siamo stati da qualche tempo, è difficile dire se il Nuerburgring sarà adatto alla nostra vettura, ma è una bella pista e forse il KERS potrebbe essere più utile qui che a Silverstone. Qualunque cosa accada, spero che avremo ulteriori nuovi sviluppi sulla vettura e spero di fare un buon fine settimana là. Avremo una pausa più lunga del solito, visto che ci sono due fine settimana liberi prima della prossima gara, quindi ho colto l’opportunità per andare a casa mia in Brasile, cosa che ho fatto domenica sera, qualche ora dopo il GP dell’Inghilterra. Resterò a casa per un paio di settimane e subito dopo mi fermerò a Maranello per qualche riunione prima della Germania”.