Formigine: Pdl, “La trasparenza non è mai troppa!”


pdlFra i contenuti più discutibili delle Linee Programmatiche 2009/2014 presentate dal Sindaco Richeldi alla tornata del Consiglio Comunale del 21/07 u.s., spicca certamente la più che rosea trattazione della situazione del bilancio comunale.

Infatti, nonostante tale argomento venga inserito solo nella penultima delle 31 pagine presentate (si potrebbe dire, con un po’ di malizia, “allo scopo di farlo passare inosservato”… ), non si può non evidenziare che definire quello di Formigine un “bilancio solido che ci consente di guardare con ottimismo ai prossimi anni” non corrisponde propriamente al vero.

Con tale inopinata affermazione l’attuale amministrazione – che opera in pratica senza soluzione di continuità con la precedente – insiste nel nascondere alla Cittadinanza la reale situazione debitoria dell’ente comunale, che oltrepassa i 40 milioni di euro di debito (sic!), cercando in tal modo di far passare Formigine per quello che non è e che non sarà ancora per anni, ovvero un comune dal bilancio florido.

Non va poi dimenticato il chiaro quanto inutile sforzo di incolpare il governo centrale per le future “ristrettezze economiche” comunali, contenuto nell’affermazione “i recenti provvedimenti del governo sulla finanza locale … ci mettono in una situazione di incertezza per il futuro delle nostra finanze”: mediante tale velleitario tentativo, si cerca di nascondere letteralmente e con protervia dietro un dito una grave situazione nata in tempi antecedenti i provvedimenti governativi romani.

La presente nota, lungi dall’essere un attacco diretto all’attuale/precedente amministrazione di centro sinistra (che ci auguriamo saprà far fronte alla situazione creata), vuole più che altro esserle di consiglio, affinché riconosca l’importanza di informare con responsabilità i Formiginesi che per il nuovo quinquennio di governo locale non si parte da zero, ma da un passivo di 40 milioni di euro.

In caso contrario, omettendo la reale portata del debito comunale, il Sindaco offre ai cittadini una rappresentazione mistificata della realtà e li priva del loro diritto ad una corretta informazione anche con riguardo alle predette linee programmatiche, in cui tra l’altro si parla più dei nuovi progetti, che del reperimento dei fondi per attuarli, con la conseguente sopravvenienza di nuovi debiti.

Tale ultimo atteggiamento non rappresenterebbe di certo il miglior modo di iniziare il nuovo governo di Formigine: ma, del resto, intraprendere un percorso con il piede “sinistro” non è mai di buon auspicio …

I Consiglieri Comunali de”Il Popolo della Libertà” per Formigine.