Resoconto Consiglio comunale

politica2L’apertura del Consiglio comunale di Carpi di giovedì 10 settembre è stata dedicata, come da prassi, alle risposte dell’amministrazione alle interrogazioni presentate dai rappresentanti dei cittadini: in primis l’assessore ai Lavori pubblici Carmelo Alberto D’Addese ha risposto ad un’interrogazione della consigliera Giuseppina Baggio (Popolo delle Libertà) relativa all’interruzione della linea ferroviaria Modena-Mantova nel mese di agosto, peraltro avvenuta nei termini previsti. Baggio, nella sua richiesta datata peraltro 17 luglio, chiedeva tra l’altro se il Comune si fosse attivato presso Trenitalia per avere garanzie sul rispetto dei tempi previsti ed arrecare così meno disagio possibile ai viaggiatori e ai pendolari in particolare. D’Addese ha replicato come il rispetto dei tempi e il controllo dei lavori siano stati effettuati direttamente da Regione e Agenzie per la Mobilità: “per quanto ci riguarda – ha detto – abbiamo sempre vigilato attraverso l’Agenzia per ottenere il rispetto del contratto di servizio che Trenitalia è tenuta a seguire”.

L’assessore D’Addese ha poi risposto al consigliere del Pdl Roberto Benatti che interrogava il Comune invece in merito alle problematiche dei taxisti di stanza di fronte alla stazione ferroviaria. “Oggi questi parcheggiano nel piazzale in assenza di una tettoia o di un qualunque riparo, al caldo d’estate e alla pioggia d’inverno. Alcuni di essi ritengono – ha spiegato Benatti – che potrebbe essere sufficiente sostituire o affiancare la siepe che delimita il piazzale della stazione con un pergolato”. L’assessore ha ricordato nella sua risposta i riferimenti di legge che regolano il servizio di taxi, ha sottolineato come siano tre le auto pubbliche in servizio in via Dallai e che il fabbricato della stazione è di proprietà di Rfi: qualsiasi intervento che interferisca con lo stabile, una pensilina ad esempio come proposto anche da Benatti, è oggetto di autorizzazione da parte dell’ente proprietario. “Inoltre una siepe con un pergolato può risolvere eventualmente il problema estivo ma non quello della pioggia e inoltre può creare problemi di visibilità che possono diminuire la sicurezza della viabilità nel piazzale. Occorre dunque valutare attentamente l’eventuale ‘disagio’ dei taxisti e degli avventori e le possibili soluzioni. Mi impegno – ha concluso – a incontrare una delegazione dei taxisti a questo proposito”.