Sabato torna a Modena il Mercato Popolare del PRC


denaro_euroRitorna sabato 5 dicembre, dalle 9 alle 12.30 presso la sede di Rifondazione Comunista in via Canaletto Sud 151/1, il mercato popolare promosso da Rifondazione Comunista per contrastare il carovita e difendere il potere d’acquisto di lavoratori e pensionati.

Di fronte all’inerzia del Governo che dà i soldi alle banche e nulla ai lavoratori e ai pensionati, Rifondazione Comunista interviene con il mercato popolare cittadino: acquistiamo collettivamente i generi alimentari necessari per un piatto di pasta per distribuirli a prezzo di costo alle persone che si associano al gruppo.

Un’azione politica per dimostrare che il carovita si può e si deve contrastare che si tramuta in una pratica utile anche per i cittadini. Sabato 28 novembre, alla prima uscita del mercato popolare, abbiamo registrato 81 iscrizioni per una spesa popolare di 580 euro e un risparmio per gli associati di circa 400 euro.

Un’azione politica che è anche un invito ai Comuni e alla Provincia perché intervengano per ridurre i prezzi dei generi di prima necessità. Se ci riesce Rifondazione ci debbono riuscire pure le istituzioni, o con accordi con i commercianti per creare un paniere popolare con generi di prima necessità calcolato sulla base del valore medio di un operaio in cassa integrazione, circa 700€ c, o aprendo direttamente con uno spaccio popolare.

Nella provincia di Modena sono più di 30mila i lavoratori colpiti dalla crisi, e a queste persone e alle loro famiglie occorre dare risposte concrete e immediate per evitare che un carovita insostenibile eroda un reddito già insufficiente.

Doppio impegno per Rifondazione Comunista sabato 5 dicembre: saremo a Modena contro il carovita attraverso il Gruppo d’Acquisto Popolare e saremo a Roma alla manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni del Governo Berlusconi, che contro il carovita non sta facendo proprio nulla.