Ospedale di Mirandola, Leoni (PdL): risposta Presidente Unione comuni area nord fa acqua da tutte le parti



Il Consigliere regionale del Popolo della Libertà Andrea Leoni, in merito alle risposta del Presidente e dell’Assessore alla Sanità dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord, Carlo Marchini e Maino Benatti, sui problemi strutturali riscontrati all’ospedale di Mirandola, in provincia di Modena.

“La nursery dell’ospedale di Mirandolafa fa acqua da tutte le parti e la risposta del Presidente e dell’Assessore alla sanità dell’Unione dei Comuni area nord sui cronici problemi strutturali non è da meno. Piove all’interno della nursery e il Presidente dice che non è un problema perché a bagnarsi sono solo i dipendenti. Secondo questi signori poi è normale che di fronte ad un pioggia intensa l’acqua passi attraverso i muri tanto alla fine paga l’assicurazione. I letti mobili dei pazienti non passano per il nuovo ascensore progettato e realizzato proprio per trasportare i letti con le ruote evitando di spostare i degenti che non si possono alzare dai letti alle barelle, ed il Presidente dell’Unione dice che va bene perché è stato costruito apposta così. I cittadini chiedono conto degli sprechi legati al fare e disfare dell’Ausl che costruisce strutture difettose ed inadeguate che deve aggiustare dopo pochi mesi, e il Presidente dell’Unione bolla tutto come polemiche preelettorale. Non c’è ombra di dubbio: la risposta di chi dovrebbe garantire ed interessarsi del buon funzionamento dell’ospedale sono più preoccupanti dei già gravi problemi che dovrebbe affrontare. La sanità pubblica dell’area nord non è certo in buone mani. Negli ultimi 5 anni ho portato sul tavolo della giunta Errani decine di interrogazione su allagamenti, locali inadeguati, strutture fatiscenti dell’ospedale di Mirandola. Oggi la risposta non può continuare ad essere ‘va tutto bene’. Ora, prima che la giunta Errani venga rimandata a casa dalle prossime elezioni, porterò sul tavolo dell’Assessore Bissoni anche le stucchevoli risposte del Presidente dell’Unione dell’Area Nord a cui non rimane altro che negare la realtà per nascondere i problemi che evidentemente né lui, né l’Ausl di Modena vogliono o riescono a risolvere”.