Positivo il bilancio 2009 della Scuola Edile di Modena



Nonostante la crisi, il 2009 ha prodotto risultati positivi per la Scuola Edile di Modena, l’ente bilaterale che eroga formazione professionale e per la sicurezza nei cantieri ai lavoratori delle costruzioni. I corsi e seminari (comprese le attività per gli studenti) organizzati l’anno scorso sono stati 115 (+ 21 per cento rispetto al 2008), mentre il numero dei partecipanti ha raggiunto quota 2.321, a fronte dei 2.499 dell’anno precedente.

«Questi dati assumono un valore maggiore se consideriamo la situazione di grave crisi economica generale, e dell’edilizia in particolare – commenta il direttore della Scuola Edile di Modena, Alessandro Dondi – Nonostante le difficoltà abbiamo avviato e consolidato la sperimentazione della “formazione di pre-ingresso (cosiddette “16 ore“) e abbiamo innovato i nostri metodi e contenuti didattici, non solo per uniformarci alle nuove normative, ma anche per ampliare e qualificare la nostra offerta formativa rivolta ai lavoratori e alle imprese modenesi del settore».

La Scuola Edile è impegnata a fronteggiare un progressivo impoverimento professionale del comparto delle costruzioni che, secondo gli addetti ai lavori, rischia oggi di trovarsi impreparato di fronte alle nuove sfide del progettare e del costruire, le quali richiedono capacità e professionalità adeguate (si pensi alle tecniche del risparmio e contenimento energetico, all’antisismica, ecc.).

«Uno dei campi su cui occorre investire è certamente la formazione – continua Dondi – Come Scuola Edile e parti sociali (associazioni imprenditoriali e sindacati) ci poniamo nei confronti del settore proponendo un’adeguata offerta formativa che, se colta da imprese e lavoratori, può aiutare a traghettare la crisi verso l’auspicata ripresa».

Il catalogo corsi 2010 della Scuola Edile comprende sedici corsi di formazione per l’area professionale (muratori, gruisti, tecnici di cantiere ecc.), diciannove corsi per l’area sicurezza (corsi base, pronto soccorso, uso delle attrezzature di cantiere ecc.), quattro corsi per l’area informatica (dal cad ai preventivi), corsi di italiano per lavoratori stranieri.

«Lo staff della nostra scuola è in grado di cogliere le esigenze specifiche di imprese e lavoratori, sulle quali elaborare azioni formative personalizzate. In sostanza – spiega Dondi – siamo a disposizione di quanti nel settore sono alla ricerca di un “consulente formativo” che li aiuti ad attraversare e – conclude il direttore della Scuola Edile di Modena – li prepari professionalmente per quando il mercato si riaprirà».