Modena, la cittadinanza attiva oggi anche su Internet



Insegnanti e giovani, esperti di comunicazione e blogger, operatori e amministratori venerdì 29 gennaio si trovano alla Tenda di viale Molza, angolo Monte Kosica, per partecipare al Forum Locale per lo sviluppo della democrazia partecipativa. La giornata dedicata a “Raccontarsi e incontrarsi sulle piazze dei social network – La comunicazione e la partecipazione ai tempi del web 2.0” è organizzata dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune e rientra in un progetto europeo a cui partecipano altre città di Cipro, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Olanda, Slovenia e Spagna.

Nell’era delle città virtuali, in cui la rete è diventata il nuovo crocevia di esperienze, opinioni, incontri, il luogo dove si partecipa e dove in parte si forma l’identità di cittadini, ci si interroga su quale funzione abbiano i social network. Quali le potenzialità e i limiti? Come educare a un uso responsabile e utilizzarli per un uso sociale? La parola ad esperti del tema ma soprattutto ai giovani e a chi è responsabile della loro formazione. La mattinata inizia con un intervento di Federico Farini dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Continua con la tavola rotonda coordinata dall’assessore alle Politiche giovanili Fabio Poggi, a cui partecipano lo scrittore e blogger Luca Castelli, l’esperto di comunicazione Marcello Testi e i professori Michele Colajanni dell’Università di Modena e Elena Pacetti dell’Università di Bologna. Nel pomeriggio gli under 30 parteciperanno a tre workshop per discutere dei temi emersi negli ultimi due mesi nel forum on line GiovaniMò attivato su facebook e twitter dall’assessorato alle Politiche giovanili e a cui si sono già iscritti 850 fan. L’utilizzo del social network per comunicare e partecipare, gli spazi giovani e la musica dal viva ed infine le ordinanze contro l’abuso di alcolici recentemente emesse dal Sindaco di Modena sono i temi su cui si confronteranno i gruppi di lavoro.

Nel pomeriggio si svolgerà anche un workshop rivolto a operatori, insegnanti e amministratori su come rapportarsi ai social network. Alle 19 presentazione del libro “Musica liberata” di Luca Castelli e dalle 21 serata con dj set e il concerto dei Freak Out. La partecipazione al convegno è gratuita, per informazioni: tel. 059 2034848.

“Si tratta di un forum locale – spiega l’assessore alle Politiche giovanili Fabio Poggi – per approfondire i temi della comunicazione e della partecipazione ai tempi del web 2.0, cioè in un’epoca, la nostra, in cui Internet è sempre più e soprattutto per i giovani un luogo dove incontrarsi e scambiarsi idee. Lo dimostrano il successo di social network come facebook e twitter”. Nelle ultime settimane molti ragazzi hanno iniziato a scambiarsi pareri su temi caldi per la nostra città in GiovaniMò, il profilo pubblico dell’assessorato alle Politiche giovanili su Facebook, che conta già 850 fan (www.facebook.com/pages/Modena-Italy/GiovaniMo/227543159451). L’assessore Poggi aveva chiesto ai giovani di fare una classifica delle cose peggiori e migliori del vivere a Modena: “quali funzionano e cosa proprio non va” per raccogliere pareri e proposte. Sotto il segno ‘più’ sono finite le piste ciclabili, i parchi, le biblioteche e il festival Filosofia; sotto quello ‘meno’ la difficoltà a trovare lavoro, i trasporti pubblici insufficienti soprattutto in orario serale e la carenza di iniziative rivolte ai giovani, che ritengono Modena una città adatta per lo più alle famiglie. Poi il dibattito si è spostato sulla musica dal vivo e la necessità di nuovi spazi per i giovani, infine sulle ordinanze contro l’abuso di alcolici. Tra chi ritiene che evochino un inutile proibizionismo, chi le ritiene un buon punto di partenza e chi, viceversa, insiste sull’importanza di educare e sensibilizzare, diversi i ragazzi che hanno iniziato a rispondere e che ora sono invitati a partecipare al forum che si terrà venerdì alla Tenda per confrontarsi e dire la loro.