Moschea Carpi, Leoni (PdL): Nessuna deroga alla legalità



Il Consigliere regionale del Popolo della Libertà Andrea Leoni, già attivo con più interrogazioni regionali per chiedere la chiusura della moschea di fatto di via Unione Sovietica, in merito ai contenuti dell’incontro della Giunta comunale di Carpi con le associazioni islamiche.

“Se il Sindaco di Carpi Campedelli pensa di risolvere i gravi problemi di ordine pubblico nati dopo l’apertura del centro di culto islamico in un condominio di via Unione Sovietica, parlando ai musulmani di raccolta differenziata di rifiuti, c’è davvero di che preoccuparsi. L’amministrazione di sinistra di Carpi sta permettendo agli islamici di fare ciò che a nessun cittadino non musulmano sarebbe permesso di fare: trasformare garage, uffici, e case in moschee, senza pensare ed interessarsi della conseguenze.

Il tutto con l’avvallo della giunta regionale che qualche giorno fa, in risposta ad una mia interrogazione, ha sancito che in Emilia Romagna la legge di fatto non pone limite all’apertura dei luoghi di culto per tutte le associazioni che abbiamo previsto tale attività nel proprio statuto. Una manna da cielo per gli islamici, una condanna per tutti i cittadini che islamici non sono.

Se il Pdl vincerà le elezioni regionali la legge verrà cambiata e questo scempio finirà. Campedelli parla di diritti e doveri senza accorgersi di avere dato solo diritti agli stranieri senza imporre loro nessun dovere, nemmeno quello di rispettare la libertà e la sicurezza di chi straniero non è”.