Gian Paolo Lenzini: attenzione alla falsa integrazione



Gli ultimi barlumi dell’illusione del multiculturalismo si stanno spegnendo. La notizia di oggi che ci racconta di una giovane che subiva la violenza del padre perché voleva vivere all’occidentale è l’ennesimo segnale di come difficilmente si possa dialogare con chi è portatore di valori talmente diversi dai nostri, da non essere compatibile con la nostra cultura.

Proprio di fronte a questi segnali preoccupanti, di chi non desidera integrazione, bisogna essere sempre più fermi nel riaffermare quanto non è contrattabile: le conquiste delle donne, dei diritti civili dell’occidente, che arrivano dalla cultura di matrice cattolica che parla di uguaglianza, e di rispetto dell’essere umano, sono un limite invalicabile.

Chi vive in Italia da anni e nonostante questo prova a rimarcare la propria differenza, e tenta di non far integrare i propri figli, la propria famiglia, non vuole vera integrazione. Ed è bene che si condannino questi comportamenti, che il messaggio dello Stato sia chiaro: giusto solidarizzare con chi ha bisogno, accogliere chi chiede aiuto, ma senza fare passi indietro con chi non vuole accettare e rispettare le regole e le leggi di chi accoglie e porge solidarietà.

(Avv. Gian Paolo Lenzini, Vice coordinatore regionale – PDL)