Nuovo programma di investimenti per l’edilizia sanitaria: 48 milioni e 234 mila euro assegnati alla sanità bolognese



Ammontano a 48 milioni e 234 mila euro i finanziamenti regionali destinati alle aziende sanitarie bolognesi, nell’ambito del nuovo programma di investimenti in sanità. Questi, nel dettaglio, i progetti edilizi finanziati per ogni singola azienda.

Azienda Usl di Bologna

Il totale del finanziamento regionale destinato alla Azienda USL di Bologna è di 22 milioni e 180 mila euro. 16 milioni e 130 mila euro di questi saranno impiegati per la realizzazione del nuovo Poliambulatorio Navile, che sorgerà nell’area dell’ex Mercato Ortofrutticolo in via Fioravanti, a Bologna. In questa area, di proprietà comunale, è già stato riservato a questo scopo un lotto di 6.150 metri quadrati. Il nuovo Poliambulatorio, che si inserirà in una zona della città già oggetto di un importante rinnovamento urbanistico, sarà dedicato prevalentemente ai cittadini residenti nel quartiere Navile e Porto e assicurerà, oltre alla offerta di specialistica ambulatoriale, anche un nuovo Centro di Medicina Generale.

Circa 3 milioni di euro dei nuovi finanziamenti saranno destinati alla ristrutturazione del monoblocco dell’Ospedale Maggiore. L’intervento riguarda, in particolare, una parte della ristrutturazione dei 3.600 metri quadrati dei tre piani di degenza dell’ala lunga.

3 milioni e 145 mila euro, infine, saranno investiti per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’Ospedale di Loiano. L’ampliamento, un aumento di 1.230 metri quadrati, prevede la realizzazione della nuova dialisi, del nuovo day hospital, della nuova fisioterapia nonché di nuovi spazi per scale e ascensori.

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna

19 milioni e 554 mila euro è il finanziamento regionale destinato all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna.

Di questi, circa 7 milioni e 300 mila euro sono finalizzati alla ristrutturazione e all’ampliamento dell’area pediatrica, con l’inclusione dell’area dell’attuale Pronto Soccorso generale e Medicina d’Urgenza che si libereranno con l’attivazione del Polo Chirurgico e dell’Emergenza. Tale intervento è da considerarsi a valenza di “area vasta” metropolitana.

Per quanto riguarda il completamento dei lavori già avviati nel Padiglione 4 di Ostetricia e Ginecologia, e che riguarda il secondo stralcio dei lavori per l’adeguamento delle degenze ai requisiti strutturali e impiantistici richiesti per l’accreditamento, sono stati stanziati 2 milioni e 254 mila.

La somma di 4 milioni di euro sarà utilizzata per la realizzazione delle aree ambulatoriali interdisciplinari, dedicate ad attività di diagnostica d’immagine ed ambulatori strumentali.

Per il Padiglione delle Malattie infettive sono destinati 3 milioni e 500 mila euro. Tale somma sarà utilizzata per completare la ristrutturazione e l’adeguamento del Padiglione.

Al Polo medico del Padiglione 2 Albertoni, infine, con la cifra di 2 milioni 500 mila euro, inizierà il primo stralcio di adeguamenti edilizi e impiantistici nelle aree di degenza per ottenere i requisiti di accreditamento.

Finanziamenti RER per progetti edilizi IOR

Dei 6 milioni e mezzo di euro destinati all’Istituto Ortopedico Rizzoli circa la metà, oltre 3 milioni e 200.000 euro, saranno utilizzati per rinnovare gli impianti e le strutture delle camere di degenza e dei locali dei reparti di Ortopedia-Traumatologia e Chirurgia protesica e nella Multispecialistica. Prosegue così il piano di ristrutturazione del “Monoblocco” ospedaliero – attualmente in corso la ristrutturazione della Divisione Pediatrica –, che sta procedendo in parallelo alla costruzione della nuova ala dell’Ospedale Rizzoli, in corso d’opera e la cui ultimazione è prevista per la fine del 2012.

720.000 euro serviranno per l’acquisto di apparecchiature elettromedicali e arredi per due nuove sale operatorie di Day Surgery e per sei nuovi posti letto collegati.

Oltre 700.000 euro saranno destinati alla realizzazione di una nuova zona di parcheggio nell’area dell’Ospedale, con circa 30 posti auto.

1 milione e 780.000 euro, infine, copriranno i costi per i complessi interventi di adeguamento del sistema antincendio nel Compendio Monumentale di San Michele in Bosco, l’ala antica dell’Ospedale Rizzoli, in cui si trovano la Biblioteca storica e il Chiostro dei Carracci.