Terre di Castelli: Presentata ai Sindacati la proposta di riorganizzazione del Corpo Unico di Polizia Municipale



“Nei giorni scorsi- spiega l’Assessore alla Sicurezza dell’Unione Daria Denti- la Giunta dell’Unione Terre di Castelli ha adottato la proposta di riorganizzazione del Corpo Unico di Polizia Municipale. La proposta ha consentito di avviare la concertazione con le organizzazioni sindacali che rappresentano gli agenti, per arrivare all’approvazione e alla creazione fattiva del nuovo servizio”.

“Il cuore della proposta- prosegue l’Assessore Denti- riguarda l’armonizzazione di regolamenti e procedure e il potenziamento di nuclei specializzati in grado di rispondere con efficacia e tempestività alle reali esigenze di sicurezza delle famiglie, dei lavoratori e delle realtà economiche. Le nostre parole d’ordine sono ‘certezza delle regole e ampliamento dei servizi’. Vogliamo garantire ai cittadini dell’Unione Terre di Castelli capillari servizi di pattugliamento, ricorrendo a mezzi e tecnologie adeguate. E intendiamo investire risorse nel potenziamento dei controlli e delle indagini su commercio, attività produttive, ambiente e sicurezza sul posto di lavoro. Ciò si realizza dando vita ai nuclei specializzati e superando la figura dell’agente che si occupa ‘di tutto un po’. Un modello che ricalca l’organizzazione delle altre Forze dell’Ordine mettendo il Corpo Unico nelle condizioni di collaborare con loro in modo più efficace”.

“Abbiamo proposto- dice Daria Denti- che ci siano agenti in servizio dalle 7 all’una di notte e servizi notturni, che potranno anche arrivare alle 4 del mattino per campagne di controllo mirate. Proponiamo inoltre la realizzazione di un ufficio ricezione-denunce per agevolare i cittadini che abbiamo questa esigenza, riducendo così l’attività d’ufficio che ora grava su altre Forze dell’Ordine. Questo porterà all’aumento del numero di agenti disponibili per azioni di controllo e presidio del territorio”.

“Lavorare per un Corpo Unico moderno- conclude l’Assessore alla Sicurezza- ci ha assicurato numerosi contributi da parte della Regione; questi contributi ci hanno dato la possibilità di attivare la centrale di fotosegnalamento e altre innovazioni tecnologiche, fondamentali per migliorare i servizi. Accanto alla qualificazione degli agenti, continueremo ad incrementare il numero di uomini in pianta organica con l’intento di raggiungere gli standard richiesti dalla Regione. Riteniamo infatti che la dimensione numerica del Corpo non possa prescindere dalla capacità di fare sempre meglio degli agenti, che devono acquisire sempre maggiori competenze”.