Reggio, ‘Villetta Svizzera: 11 anni di attività a bassa soglia’ seminario dell’Ausl



Giovedì 18 Febbraio, a partire dalle 8.30 e fino alle 17.30 circa, presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi (via Bligny 1 – Reggio Emilia), si terrà il Seminario ‘Villetta Svizzera: 11 anni di attività a bassa soglia. La riduzione del danno, dei rischi e gli interventi di prossimità’.

L’evento, organizzato dall’Ausl di Reggio Emilia, intende fare il punto sui risultati raggiunti a oltre dieci anni dall’inizio dell’attività svolta dalla ‘Villetta Svizzera’, servizio dedicato alle persone con uso problematico di stupefacenti. La Villetta è stata ed è un importante osservatorio dei nuovi fenomeni legati ai consumi di sostanze ed alle nuove tipologie di utenti.

La riduzione del danno va intesa oggi come la somma delle azioni volte ad evitare, contenere, ridurre le conseguenze derivanti dal consumo (occasionale o continuativo) di sostanze stupefacenti. Nell’ambito del Servizio, un’attenzione particolare viene riservata al tema della promozione e tutela della salute, della prevenzione delle morti da overdose, del mantenimento e del miglioramento del livello di inclusione sociale e di soddisfazione dei bisogni di base delle persone che consumano sostanze. Queste attività non sono subordinate alla cessazione di consumo, ma valorizzano l’orientamento alla cura ed al cambiamento della persona e possono essere complementari ad altre strategie di intervento (riabilitazione o prevenzione).

Tra i relatori sono annoverati numerosi esperti in materia, con differenti ruoli e responsabilità, provenienti dall’Assessorato Regionale alla Sanità, dal mondo del volontariato (Gruppo Abele), dal Comune, dalla Provincia e dalle aziende sanitarie.

I lavori saranno aperti da Mariella Martini (Direttore Generale, AUSL di Reggio Emilia), da Matteo Sassi (Assessore a Politiche Sociali, Lavoro e Salute del Comune di Reggio Emilia) e da Marco Fantini (Assessore provinciale alla Sicurezza Sociale, Sanità, Servizi Sociali, Casa).

Durante la giornata sarà possibile visitare “Pensieri rasoterra” installazione realizzata da Luca Prandini, scultore e scenografo, mentre alle ore 14.00, all’inizio della sessione pomeridiana, sarà proiettato il video “Desert Rose. Storia, racconto, testimoni”, realizzato da Luciano Guidetti dello Staff Comunicazione dell’AUSL, con testimonianze di utenti del Servizio.