Morte dell’Alpino Matteo Miotto: il cordoglio di Sassuolo


“Un altro eroe che lascia un grande vuoto in tutti coloro che credono nella giustizia e nell’aiuto alle persone in difficolta’”. Il Sindaco Luca Caselli esprime in questo modo, a nome di tutta la citta’ di Sassuolo, il cordoglio per la morte di Matteo Miotto , il ventiquattrenne Caporal Maggiore del Corpo degli Alpini ucciso da un cecchino durante la missione di pace in Afganistan.

“I nostri militari – aggiunge il Sindaco – sono ammirati e ben voluti in tutto il mondo, grazie alla loro professionalita’ che uniscono ad un’indiscussa umanita’. Matteo Miotto era un degno rappresentante di cio’ che l’Italia e il corpo degli Alpini rappresentano nel mondo, un esempio di chi parte avendo a cuore la missione che ha da compiere: riportare pace, serenita’ e legalita’ ad un popolo che per troppi anni ha dovuto sottomettersi alla tirannia del fanatismo religioso. Ai famigliari di Matteo – conclude il Sindaco di Sassuolo Luca Caselli – agli amici e a tutto il corpo degli Alpini vanno le più sincere condoglianze a nome di tutta la citta’ di Sassuolo”