Il Governo reintegra il Fondo unico per lo spettacolo

“E’ evidente che la lotta, la mobilitazione a sostegno delle nostre buone ragioni paga: quanto annunciato dal Governo, cioè il reintegro del Fondo unico per lo spettacolo e l’abolizione dell’odiosa tassa di 1 euro sul biglietto del cinema, rappresenta una boccata d’ossigeno, un primo risultato molto importante e significativo per l’intero mondo della cultura”.

Così l’assessore alla Cultura della Regione Emilia-Romagna, Massimo Mezzetti, ha commentato la notizia del decreto legge approvato questa mattina dal Consiglio dei ministri, con cui si reintegrano risorse per il Fus e per i beni culturali.

“Accogliamo la notizia con soddisfazione – aggiunge Mezzetti – ma non ci fermiamo qui: i lavoratori, le associazioni, enti e sindacati del settore della cultura e dello spettacolo in queste settimane si sono mobilitati per difendere un patrimonio fondamentale di ricchezza immateriale e materiale del nostro Paese, che rappresenta il 52% della risorsa culturale mondiale e che ha diritto a un riconoscimento adeguato. Ancora tanti sono i capitoli che rimangono aperti, a partire dalla famigerata legge che taglia agli Enti locali l’80% delle spese destinate a mostre e promozione culturale, così come la richiesta di una norma fiscale che permetta ai prvati, singoli e associazti, la deducibilità fiscale per gli investimenti in cultura”.

“Faccio gli auguri di buon lavoro al neo ministro Galan, che spero riesca a tutelare maggiormente gli interesse del settore più di quanto abbia fatto il suo predecessore”.