Albergo gestito da cinesi chiuso per carenze igieniche ad Anzola Emilia

Nella serata di martedì i Carabinieri della Stazione di Anzola Emilia e del 5°Battaglione Carabinieri Emilia Romagna, supportati da Ufficiali Sanitari del Servizio Sanitario Regionale dell’Emilia Romagna, Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna,  hanno chiuso per gravi carenze igieniche un albergo gestito da cinesi ubicato in via Emilia 65 ad Anzola Emilia.Una struttura ricettiva gestita interamente da cittadini cinesi tramite una società i cui soci amministratori (entrambi cittadini cinesi) sono stati identificati in una 21enne residente a Casalecchio di Reno, ma di fatto attualmente irreperibile, e in un 50enne residente ad Anzola Emilia, gestore effettivo dell’attività, ufficialmente subentrato in essa solo in un secondo momento.

Al termine del controllo, per i due è scattata una denuncia a piede libero a seguito delle gravi carenze igienico sanitarie e per la mancanza di molti dei requisiti necessari al rilascio dell’ex autorizzazione sanitaria e per la ritardata comunicazione all’Autorità di P.S. delle persone ivi alloggiate. All’atto del controllo, oltre a 10 clienti di varia nazionalità che sono stati invitati a lasciare l’albergo, era presente solamente il socio amministratore al quale, ultimati i controlli, è stata imposta la immediata chiusura della struttura. Sono state anche distrutte alcune derrate alimentari avariate/scadute rinvenute nei locali dell’albergo. Gli accertamenti degli inquirenti proseguono.