L’on. Alessandri prenderà parte al Consiglio straordinario dell’Area Nord sulla Gambro

Domani l’on. Angelo Alessandri, Segretario Nazionale della Lega Nord Emilia, prenderà parte al Consiglio Comunale straordinario dell’Area Nord, che si terrà presso il Teatro Facchini di Medolla.

La seduta, che avrà inizio alle 18.00, sarà dedicata esclusivamente alla vertenza Gambro, questione che ha sin da subito interessato la Lega Nord ad ogni livello istituzionale. Proprio ieri al Ministero si è tenuto il terzo tavolo di confronto con lo scopo di salvaguardare l’impresa modenese e i posti di lavoro a rischio.

“La vicenda Gambro” – afferma il deputato del Carroccio – “sembra dirigersi verso esiti non più catastrofici come si era temuto lo scorso gennaio, quando secondo le dichiarazioni della Società si era stabilito di delocalizzare gli impianti e le produzioni dell’azienda lasciando sul lastrico oltre 400 lavoratori e privando il territorio di un distretto dell’industria farmaceutica unico in Italia.

Grazie anche al pronto intervento degli esponenti regionali e nazionali della Lega Nord” – sottolinea Alessandri – “la vertenza “Gambro” è stata tempestivamente posta all’ordine del giorno del Ministro dello Sviluppo Economico che già il 10 febbraio convocò un tavolo di confronto per approfondire le questioni problematiche della vicenda e trovare soluzioni favorevoli ai lavoratori e all’impresa.

Come noto al primo tavolo, cui parteciparono anche osservatori della Lega Nord, ne sono seguiti altri due, il 1° e il 23 marzo; proprio durante quest’ultimo incontro l’azienda ha espresso la sua volontà di rivedere le posizioni iniziali, presentando un piano di reindustrializzazione e di rilancio delle attività in grado di mantenere l’occupazione e le produzioni strategiche, riconvertendo i settori meno competitivi in altre attività sostenibili e ricollocando gli eventuali esuberi in lavori specialistici alternativi o sostenendo, anche finanziariamente, i possibili armonizzatori sociali messi in campo dal Governo.

Ora” – conclude il Segretario leghista – “le valutazioni del piano di rilancio verranno svolte direttamente sul territorio emiliano e condivise con le forze sindacali, con il territorio e con le istituzioni”.