Dal 21 al 24 agosto Formigine fa un tuffo nel passato ispirandosi al Medioevo


La settima edizione dei Ludi di San Bartolomeo, organizzata dalla Pro loco di Formigine con il patrocinio del Comune, inizia domenica pomeriggio (21 agosto) con i giochi delle contrade per i ragazzi dagli 8 ai 15 anni.

I giovani delle frazioni di Formigine, a partire dalle 17 sul sagrato della chiesa, misureranno la loro abilità con i giochi organizzati da Pietro Ghinelli: il gioco della mazza, dei tronchetti, della corda, della gronda, il tiro del ferro di cavallo e il gioco del Saraceno con gli anelli.

Gli adulti scenderanno in campo per aggiudicarsi la “spada del migliore” a partire dalle 20.30, gareggiando nel gioco del Saraceno con gli anelli, nel taglio del tronco e nel gioco della Quintana.

Il lunedì sera, alle 21, si terrà un divertente spettacolo di burattini per i bambini. A seguire, il corpo di ballo della Pro loco si esibirà nelle danze medievali celtiche ma soprattutto italiane, come la “piva” e la “giuliva”, con coinvolgimento finale del pubblico. Le coreografie sono di Luca Michelini.

Il martedì sera alle 21.30 andrà in scena, sempre in centro storico, la commedia con battute in dialetto dal titolo “Finestra sul medioevo”. Saranno rappresentate quattro scenette riportate nei Quaderni formiginesi (pubblicazione dell’Associazione di Storia locale): la nascita del castello con la battaglia del Sanguineto, una scenetta matrimoniale, l’episodio del “pulpito” e la “leggenda” del passaggio della monaca di Monza da Formigine.

Mercoledì mattina la festa inizierà con le celebrazioni liturgiche in onore del Santo Patrono Bartolomeo, per terminare alla sera intorno alle 23 con l’incantevole spettacolo pirotecnico e incendio del castello.

Nelle serate della manifestazione e mercoledì anche a mezzogiorno, sarà aperta la Taverna del Gufo con prelibatezze medievali come le tagliatelle al farro e lo stinco di maiale.

Per informazioni: cell. 335/6804375.