Successo di pubblico e 7.000 partecipanti ai convegni del Forum “Better Building” alla seconda giornata di SAIE



GianVitoGrazianoGrande successo di pubblico e convegni affollati con 7.000 partecipanti ad oggi agli incontri del Forum nella seconda giornata di SAIE 2013, Salone dell’Innovazione edilizia, in corso nel quartiere di BolognaFiere fino a sabato 19 ottobre. Al convegno del pomeriggio “Ricostruiamo l’Emilia. Le esigenze, i finanziamenti, i controlli”, aperto dal Presidente di BolognaFiere Duccio Campagnoli che ha precisato che «l’appuntamento del Forum vuole intervenire nell’emergenza della ricostruzione post sismica con un confronto di massimo livello, per consentire ai cittadini colpiti dai terremoti di tornare a una vita normale», è intervenuto anche il Sindaco de L’Aquila Massimo Cialente che ha indicato nella proposta di SAIE la via da seguire per “realizzare interventi di messa in sicurezza degli edifici e allora chiedo a voi esperti del settore come si fa a non capire che in Italia è necessario avviare un progetto di manutenzione straordinario del territorio contro il dissesto idrogeologico, che tra l’altro avrebbe ricadute positive anche in termini occupazionali». Al dibattito, organizzato nell’ambito del Forum “Better Building & Smart cities” che sta coinvolgendo rappresentanti del Governo, delle amministrazioni locali, dell’Università e dell’industria hanno partecipato Giorgio Squinzi, Presidente di Confindustria, Giancarlo Muzzarelli, assessore Attività produttive Regione Emilia-Romagna, Roberto Ganzerli, assessore all’Urbanistica del Comune di Mirandola, Maurizio Marchesini, Presidente di Confindustria Emilia Romagna, Marco Savoia, Direttore CIRI e Presidente Comitato Scientifico SAIE, Norbert Lantschner, Presidente Fondazione Casa Clima e Consulente SAIE, Felice Monaco, Coordinatore regionale Ordine degli Ingegneri, Gianvito Graziano (immagine), Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi e Armando Zambrano, Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Nell’appuntamento si è parlato di ricostruzione post-sisma a un anno e mezzo dal terremoto che ha colpito l’Emilia facendo luce sulle tecnologie messe in campo dalle istituzioni, dalla ricerca e dalle imprese.

Dure le parole del Sindaco Cialente, che torna dopo due anni al Salone dell’Edilizia del SAIE: «con i recenti provvedimenti il governo è venuto meno a quanto concordato,”con il risultato che la città“non sarà ricostruita entro il 2021. Il problema – ha sostenuto Cialente – nasce dai limiti al patto di stabilità imposti dall’Unione Europea, ma soprattutto dall’incapacità mostrata dal nostro esecutivo che con la legge di stabilità, di fatto facendo il gioco delle tre carte e muovendo dei finanziamenti che già avevamo, ha negato i fondi all’Aquila. Muzzarelli ha ribadito l’imprescindibile asse della legalità e della responsabilità da parte della pubblica amministrazione «che sta verificando tutte le richieste, perché non saranno versati soldi pubblici per compiere illegalità, o verranno meno gli sforzi di una comunità ferita che sta cercando di reagire e di ritrovare i luoghi della storia, dell’identità e dell’aggregazione sociale e della storia». «Sono ancora molti i passi da fare per una maggiore semplificazione normativa e burocratica – ha aggiunto Squinzi – che andrebbe a vantaggio non solo dei processi di ricostruzione ma di tutto il comparto edilizio. Quello che chiedono gli imprenditori è di poter lavorare in un contesto normale, dove esprimere le potenzialità di un’eccellenza riconosciuta a livello mondiale».

La sicurezza delle costruzioni è al primo posto per SAIE, che ha offerto al pubblico di professionisti, ricercatori e alle aziende altri appuntamenti nell’area ‘SAIE COSTRUIRE SICURO’, come quello offerto da Federbeton “#Sostenibilità #cemento sicurezza antisismica e del territorio” con Gaetano Manfredi, Dipartimento di Strutture per l’Ingegneria e l’Architettura, Università di Napoli, Camillo Nuti, Membro del Consiglio Direttivo AICAP, Università di Roma Tre, Raffaele Solustri, Consiglio Nazionale Ingegneri e Giandomenico Toniolo, Dipartimento di Ingegneria strutturale, Politecnico di Milano.

La piazza del Forum era stata aperta dal convegno “Le Smart Cities nell’agenda digitale” sul tema della recente decisione del Governo di rafforzare la governance dell’Agenda digitale italiana con la nomina di un Commissario di governo cui hanno partecipato, tra gli altri, Antonio Catricalà, Viceministro allo Sviluppo Economico, Francesco Caio, Commissario di Governo per l’Agenda Digitale, Franco Bassanini, Presidente Cassa Depositi e Prestiti, Alfredo Peri, assessore alle Infrastrutture della Regione Emilia-Romagna. ”A noi interessa avere una rete forte, investimenti seri e un’indipendenza della gestione della rete – ha detto Catricalà – ci interessa che la rete sia sicura e deve anche essere indipendente nella gestione”. Secondo Bassanini “il ritardo sul digitale dipende dalle inadeguatezze delle infrastrutture di rete non da un ritardo della domanda. E’ un problema serio che va affrontato, e dovrebbe essere affrontato dal Governo”.

Sempre a BolgnaFiere, è stato inaugurato questa mattinata Expotunnel, Salone delle Tecnologie per il sottosuolo, con la partecipazione tra gli altri di Mauro Moretti, Amministratore Delegato Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Pietro Lunardi, Presidente Congresso Internazionale Societa Italiana Gallerie, Duccio Campagnoli e Giorgio Squinzi.