Chiama i Carabinieri dicendo di volersi suicidare. Riattacca e si spara al petto. 63enne di Sant’Agata ricoverato al Maggiore



arma-sant-agataAlle ore 16:25 circa di ieri pomeriggio il comandante della Stazione dei Carabinieri di Sant’Agata Bolognese ha ricevuto una telefonata di un uomo che dopo aver annunciato l’intenzione di suicidarsi lungo l’argine del canale Zena, nei pressi di via Imperiale, riferiva le sue ultime volontà e riattaccava la comunicazione. Il maresciallo e altri due Carabinieri raggiungevano immediatamente il luogo, allertando contemporaneamente il 118 per l’intervento sanitario, e trovavano il 63enne disteso per terra, con una pistola calibro 7.65 in mano e tre ferite da arma da fuoco sul corpo. L’uomo, ancora vivo ma in gravi condizioni, soccorso dai sanitari del 118, è stato trasportato in elicottero presso l’ospedale Maggiore di Bologna dove è stato ricoverato in rianimazione con prognosi riservata. L’arma, una Beretta regolarmente detenuta, è stata sequestrata.