Oggi prima giornata di Grasparossa, Qualità senza riserve, domani altra giornata importante



grasparossa

Ha avuto enorme successo di pubblico e di critica da parte degli addetti ai lavori la prima delle due giornate di “Grasparossa! Qualità senza riserve”, un approfondimento e confronto sul Lambrusco Grasparossa dedicata a produttori vinicoli, ristoratori, gastronauti, gourmet e giornalisti che vogliano saperne di più sulla bollicina locale. Il Lambrusco Grasparossa, su iniziativa del Consorzio Castelvetro V.I.T.A. di Castelvetro, è stato assoluto protagonista nella suggestiva location del castello di Levizzano.

Già dalla mattina il Lambrusco Grasparossa è stato protagonista nei banchi di degustazione e negli stand espositivi con le aziende partecipanti, mentre nelle sale storiche Enoteca Regionale Emilia Romagna, il Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi Modenesi hanno condotto una degustazione comparativa fra le quattro Doc del Lambrusco; Miss Tagliatella ha preparato la sfoglia, piatto simbolo delle rezdore emiliane nonché uno dei migliori abbinamenti al Lambrusco, coinvolgendo gli ospiti con tagliere e matterello; inoltre l’area degustazione della manifestazione a cura di Piacere Modena, ha visto i più prelibati prodotti tipici proposti in abbinamento alle crescentine della Trattoria Tonozzi – La Siberia.

Grande successo ha riscosso lo show cooking di Claudio Sadler, chef milanese due stelle Michelin, maestro impareggiabile di leggerezza e semplicità, interprete della più raffinata cucina italiana d’autore, al pari di David Galantin, Chef stellato, Consulent ed Executive di importanti strutture alberghiere pluristellate, collabora attivamente con Identità Golose di Paolo Marchi, Slow Food, e importanti riviste di settore. Lo stesso, durante le giornate della manifestazione, ha eseguito dimostrazioni pratiche dell’innovativa piastra di design Onfalós by Smartech Italia.

Nessuna delle eccellenze modenesi è stata trascurata nelle degustazioni curate dai Consorzi di Tutela – Prosciutto di Modena, Parmigiano Reggiano, Bianca Modenese, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, che si sono avvicendate oggi e “torneranno domani”. Dibattiti e confronti per riflettere sul successo del Lambrusco Grasparossa sono stati molto partecipati. La giornata si è conclusa con un travolgente happy hour con cocktail e long drink a base di Lambrusco Grasparossa, a cura di Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna.

Domani, oltre al ricco carnet di appuntamenti di degustazione e spettacoli e dimostrazioni culinarie, si parlerà di “Opportunità della rete: prospettive e potenzialità di sviluppo del Lambrusco Grasparossa” con Luca Bonacini – food & wine writer, con Antonio Previdi della Trattoria Entrà di Finale Emilia, e Thomas Grootveldt, Export Manager Cleto Chiarli. Durante la manifestazione si potrà ammirare l’opera in esclusiva dedicata a Castelvetro dell’artista torinese Alberto Lanteri a dimostrazione che l’arte, come il buon vino, è strettamente connessa alla capacità di trasmettere emozioni.