Rubiera: al supermercato con la pistola, tre persone fermate dai carabinieri



carabinieriDipendenti ed alcuni clienti con l’adrenalina a mille l’altra sera in un supermercato di Rubiera, comune del comprensorio ceramico reggiano, per la presenza di tre uomini dell’est Europa di cui uno con alla cintola quella che per molti è apparsa essere una pistola. Immediato e puntuale da parte dei dipendenti è giunto l’allarme ai Carabinieri della Stazione di Rubiera che si sono precipitati presso il supermercato. All’arrivo dei carabinieri i tre si erano allontanati. Grazie alle indicazioni acquisite da alcuni cittadini i militari si sono rimessi in macchina alla volta di Reggio Emilia. Secondo le testimonianze acquisite infatti i tre erano balzati a bordo di un furgone grigio imboccando la Via Emilia con direzione del capoluogo reggiano.

Dopo aver percorso la Via Emilia per alcuni chilometri, la pattuglia dei Carabinieri di Rubiera all’altezza dell’innesto con la tangenziale intercettava il furgone fermandolo al’altezza di Via Copernico. Dopo aver adottato le precauzioni del caso i Carabinieri intimavano ai tre di scendere. Dopo averli identificati in tre cittadini moldavi abitanti a Reggio Emilia (un 26enne, un 32enne ed un 23enne) i Carabinieri di Rubiera, ricorrendone i presupposti di legge davano corso alla perquisizione personale estesa poi anche al veicolo. Mentre le perquisizioni personali davano esito negativo, l’analoga attività condotta sul Fiat Ducato portava al rinvenimento di una pistola del tipo giocattolo con tappo rosso che era riposta nel vano portaoggetti del cruscotto, coperta da un marsupio.

Dalla strada alla caserma sede della Stazione Carabinieri di Rubiera il passo è stato breve e dove i militari procedevano alle incombenze di rito relative al sequestro della pistola giocattolo i quanto seppur risultata essere provvista di tappo rosso i Carabinieri intendo approfondire le circostanze che abbiano indotto uno dei tre moldavi a temere l’arma nella cintola all’atto dell’ingresso nel supermercato per poi allontanarsi poco prima del’arrivo dei carabinieri allertati dai responsabili. Aspetti questi che saranno chiarite dalle indagini avviate dai Carabinieri di Rubiera.