A Maranello in mostra i fossili di Francesco Coppi



Sabato 26 ottobre alle ore 10,30 alla biblioteca Mabic è in programma l’inaugurazione della mostra permanente dei fossili di Francesco Coppi. Si tratta di una parte della collezione di reperti donati al Comune di Maranello dalla Famiglia Coppi, raccolti dal naturalista modenese alla fine dell’800 e debitamente catalogati. Una esposizione rivolta a tutti, anche agli studenti, che permette di conoscere molti aspetti del passato del nostro territorio. La mostra “Grandi, belle e rarissime specie. I fossili di Francesco Coppi” è curata da Isabella Massamba N’Siala. All’inaugurazione è prevista la partecipazione del sindaco di Maranello Lucia Bursi. Francesco Coppi (1843-1927) è stato uno dei protagonisti della ricerca paleontologica e archeologica in Italia nella seconda metà dell’Ottocento. Collezionista appassionato fin dall’adolescenza dei fossili ritrovati lungo l’Appennino modenese, Coppi raccolse migliaia di reperti fossili, arrivando a costituire una delle collezioni paleontologiche più importanti dell’epoca, che descrisse in dettagliati cataloghi e in numerosi scritti scientifici. Di formazione naturalista, diede un contributo significativo anche alla discussione archeologica e paletnologica, grazie al meticoloso lavoro di scavo e studio effettuato sulla terramara di Gorzano di Maranello. L’iniziativa rientra nel programma di attività culturali organizzate al Mabic dal Comune di Maranello in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.