Lega Nord Castelfranco Emilia sulla realizzazione di un mega impianto fotovoltaico a terra



“Abbiamo appreso dalla stampa locale di alcuni giorni fa  – scrivono Barbieri e Girotti Zirotti, Lega Nord Castelfranco Emilia – che sul territorio comunale – e precisamente in un fondo di circa 130.000 mq di proprietà della società Sorgea S.r.l. in Manzolino – sarà realizzato un mega impianto fotovoltaico a terra di 2,8 MW.

L’area in argomento, denominata “Fondo Galasso”, a norma del Piano Strutturale Comunale , è “un’area di valenza paesaggistica ed ecologica” all’interno delle quali bisognerebbe perseguire la salvaguardia delle attività agro-silvo-pastorali ambientalmente sostenibili, la conservazione o la ricostruzione del paesaggio rurale e del relativo patrimonio di biodiversità, la salvaguardia o ricostruzione dei processi naturali, degli equilibri idraulici e idrogeologici e degli equilibri ecologici.

Di contro – prosegue la nota – a Castelfranco Emilia, la Giunta PD, se da sempre predica la tutela ed il rispetto dell’ambiente, nei fatti depaupera il suo territorio e, cosa ancor più grave, senza alcun vantaggio per i suoi cittadini!!!

Peraltro, la Giunta ha ritenuto anche di non dover adottare nessuna variante agli strumenti urbanistici vigenti, evitando così di coinvolgere il Consiglio Comunale che ricordiamo essere il primo organo di indirizzo politico-amministrativo dell’Ente.

Sembrerebbe anche che l’Autorizzazione rilasciata dalla Provincia per costruire l’opera sia stata prorogata per permettere al soggetto realizzatore di conoscere dal GSE a quale “conto energia” sarebbe stato assoggettato l’impianto. Considerato che la proroga è concedibile per causa di forza maggiore, ci chiediamo se quello citato rientra tra questi…. Si aggiunga che anche che la Regione Emilia, con Delibera dell’Assemblea n. 28 del 06.10.2010 ha vietato di realizzare gli impianti fotovoltaici a terra nei siti con valenza ambientale come quello in trattazione ancorché escludendo da tale Delibera i procedimenti già avviati e questo comunque a dimostrare che tale tipo di aree ed il territorio in generale va tutelato nei fatti e non a parole.

Come nostra consuetudine, quindi, al fine di affrontare l’argomento nella competente sede istituzione qual è il Consiglio Comunale, abbiamo presentato una specifica interrogazione per conoscere quali valutazioni preventive sugli effetti impattanti dell’opera sono state fatte e quali prescrizioni sono state imposte prima di concedere il permesso di costruire l’opera e soprattutto a chi competono le scelte di indirizzo politico in seno al Comune di Castelfranco Emilia atteso che sulla stampa l’Assessore Zerri ha chiamato in causa i tecnici comunali…..

Ancora una volta – concludono Barbieri e Girotti Zirotti – come già fatto per l’Oasi ecologica di Manzolino peraltro adiacente l’area del fotovoltaico, Sindaco e la Giunta PD di Castelfranco Emilia si sono dimostrati “AMBIENTALISTI PER CASO”. Peccato che il territorio consumato non si rigenera ed a pagare dazio saranno come al solito i cittadini.

Per fortuna si avvicinano le elezioni amministrative……”

 

(Giorgio Barbieri, Capogruppo Lega Nord Padania –  Cristina Girotti Zirotti Coordinatrice Gruppo Lega Nord Padania)