“Processo alla finanza”: Boorea presenta l’ultimo saggio di Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia



Salvatore-Rossi-Banca-ItaliaGiovedì 7 novembre 2013, presso l’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia in viale Allegri 9 a Reggio Emilia, a partire dalle 17.30, Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia, presenta il suo nuovo saggio “Processo alla Finanza” (Laterza 2013). La presentazione è organizzata da Boorea con il patrocinio dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Ne discute con l’autore Massimiliano Panarari, giornalista e saggista. Intervengono Riccardo Ferretti, Università di Modena e Reggio Emilia, e Ildo Cigarini, presidente di Boorea.

Il saggio di Salvatore Rossi affronta il tema quanto mai attuale della grave crisi che ha colpito buona parte dell’economia mondiale, una crisi che ha messo sul banco degli imputati anche il sistema finanziario. Così il Direttore Generale di Banca d’Italia istruisce nel suo nuovo lavoro una sorta di processo, nel quale viene data la parola sia all’accusa che alla difesa, senza tesi preconcette. L’indignazione che da più parti si è levata verso il mondo della finanza è giustificata o non siamo solo di fronte all’ennesima caccia alle streghe? Le riflessioni di Salvatore Rossi lasciano la risposta ai lettori, che sono i giudici di questo processo: ai lettori spetta quindi il compito di emettere il verdetto finale.

“Abbiamo organizzato questa presentazione – dichiara Ildo Cigarini – perchè Salvatore Rossi è in grado come pochi di aiutarci a capire come possa la finanza aiutare l’economia reale ad uscire dalla crisi, che ha colpito pesantemente molti Paesi e anche il nostro territorio, e a ridare il via a un processo di crescita virtuoso dell’economia. C’è bisogno di finanza, eccome se ce ne è bisogno – prosegue il presidente di Boorea – ma di una finanza che sia regolata, e si basi su regole riconosciute a livello globale, come è globale l’economia del terzo millennio. Questa è la tesi di fondo del saggio di Salvatore Rossi, ricco di riflessioni particolarmente acute e interessanti, che condivido in pieno”.

Per chi intende partecipare, è gradito un cenno di conferma inviando una mail a boorea@boorea.it o telefonando allo 0522-530909.