mercoledì, 30 Novembre 2022
7.1 C
Comune di Sassuolo
HomeMenani (LN): i cittadini non dimentichino cosa era Sassuolo nel 2009




Menani (LN): i cittadini non dimentichino cosa era Sassuolo nel 2009

menani“Un ringraziamento all’elettorato di Sassuolo che, ancora una volta, ha dato fiducia all’operato della Lega Nord di Sassuolo.

In questi anni molto è stato fatto ridare a Sassuolo la sicurezza che da tanto tempo i cittadini chiedevano e quello della sicurezza è un obiettivo ampiamente raggiunto e da tutti riconosciuto.

Soltanto cinque anni fa sul nostro territorio, stuoli di spacciatori agivano quasi indisturbati. Risse tra bande rivali con accoltellamenti che hanno provocato anche due vittime avevano portato la nostra città sugli schermi delle tv nazionali non per il Palazzo Ducale o leeccellenze della ceramica, come oggi, ma per la cronaca nera e come esempio di degrado e di mancata integrazione degli stranieri.

Il teatro di questa cronaca erano i parchi e le piazze che oggi sono tornate ad essere fruibili, vive e vissute da migliaia di famiglie e cittadini onesti e per bene. Basta fare un giro anche la mattina presto o la sera tardi nei parchi, in tutti i parchi, utilizzati anche come spazi per lo sport o per il ritrovo, per rendersi conto delle condizioni di sicurezza e vivibilità raggiunti

Basterebbe questo per non avere dubbi su chi scegliere al ballottaggio dell’8 giugno. Non solo bisogna ricordare la città di 5 anni fa ma anche che chi aveva creato le disastrose condizioni urbanistiche e sociali che avevano portato a quei problemi, ovvero Pistoni prima e Pattuzzi poi, sono gli stessi, l’uno davanti e l’altro più nascosto, che oggi si ripropongono al governo della città.

Il 9 giugno sarebbe troppo tardi per rendersene conto.

L’attuale candidato a Sindaco Pistoni è lo stesso che come Vicesindaco nell’amministrazione Tosi aveva trasformato in ghetti degradati i palazzoni di Braida incrementato una immigrazione incontrollata che arrivava nella nostra città, attirata dalle politiche buoniste dell’amministrazione.

Chiudendo gli edifici e bonificando le aree abbiamo fatto terra bruciata del terreno di conquista dei criminali che sono stati obbligati a lasciare Sassuolo ed a non considerarla più il paese di Bengodi dove si poteva fare tutto, compreso le manifestazioni organizzate da coloro che le forze dell’ordine avevano identificato come integralisti.

Stessa cosa per il centro storico, terra vuota e di nessuno, dove la sera sembrava esserci il coprifuoco perché la gente aveva paura di uscire di casa ed oggi vissuto tutti i giorni ed in ogni stagione da migliaia di cittadini, grazie ad importanti iniziative, molte mai organizzate prima e a straordinari commercianti che hanno investito, anche in tempi di crisi, su nuove attività di qualità.

Vorremmo che la gente, in via dell’8 giugno, non dimenticasse nemmeno gli allagamenti che Sassuolo dovette subire ripetutamente a causa della insufficiente rete di fognature e di scolo; una rete che l’Amministrazione Caselli ha totalmente rivisto e potenziato proteggendo totalmente, come gli ultimi eventi meteo hanno dimostrato, tutto il territorio comunale, da San Michele alla zona nord, che non ha più dovuto subire alcun tipo di problema.

Tanto altro è stato fatto per migliore la qualità della vita ed il livello di sicurezza nella Città e tanto altro siamo disposti a fare se Caselli verrà riconfermato Sindaco di Sassuolo.

A questo punto è bene non dimenticare e di fronte a un paragone qualitativo della Città, l’Amministrazione Caselli ne esce vincente.

Votate Caselli e non fatevi abbagliare da promesse di altri che, come la storia purtroppo ci ha insegnato, non verrebbero mantenute”

Francesco Menani

Ora in onda:
________________












Ultime notizie