sabato, 24 Febbraio 2024
11.4 C
Comune di Sassuolo
HomeModena: c'è “Amarcord” di Federico Fellini al cinema di piazza XX Settembre




Modena: c’è “Amarcord” di Federico Fellini al cinema di piazza XX Settembre

AmarcordPosterTutta la poesia di un capolavoro come “Amarcord” di Federico Fellini per una serata impregnata della magia del cinema, in una piazza del centro storico. Nel terzo appuntamento di “Venti di cinema” in piazza XX settembre, è l’opera del regista riminese, vincitrice dell’Oscar come miglior film straniero nel 1975 e di tanti altri premi, a dare i toni dei ricordi e dei sogni alla serata, come sempre a partecipazione libera e gratuita.
La piazza del cuore storico di Modena, trasformata in arena cinematografica all’aperto, con le sedie al centro ma anche con i tavolini dei locali che vi si affacciano, nelle due precedenti proiezioni ha fatto il pieno di un pubblico educato e attento. E il fascino che esercita una pellicola come “Amarcord” induce a prevedere un nuovo successo per l’iniziativa ideata dall’assessorato comunale al Centro storico. A introdurre brevemente la visione sarà questa volta Leonardo Gandini, docente di Storia del cinema all’Università di Modena e Reggio Emilia.
“Amarcord”, come il “Gattopardo” di Visconti, che ha aperto la rassegna cinematografica in piazza XX settembre, è un’altra delle pellicole selezionate tra i “100 film italiani da salvare”.
Significativa, nella sua sinteticità, la voce “Amarcord” del “Morandini”, il Dizionario del Cinema dell’editore Zanichelli: “Rivisitazione – tutta ricostruita e mai così vera – della Rimini dei primi anni ‘30 col fascismo trionfante, l’apparizione notturna del transatlantico Rex, il passaggio delle Mille Miglia, la visita allo zio matto e la bella Gradisca. Vent’anni dopo I vitelloni, Federico Fellini torna in Romagna con un film della memoria e, soltanto parzialmente, della nostalgia. La parte fuori dal tempo è più felice di quella storica. Umorismo, buffoneria, divertimento, finezze, melanconia”. Il film di Fellini, prodotto nel 1973 da Franco Cristalli, ha come co-autore del soggetto e co-sceneggiatore il poeta Tonio Guerra. Le musiche sono di Nino Rota e la fotografia di Giuseppe Rotunno. Nel cast Bruno Zanin, Pupella Maggio, Armando Brancia, Giuseppe Ianigro, Gianfilippo Carcano, Ciccio Ingrassia, Magali Noël, Nando e Nandino Orfei, Alvaro Vitali, Aristide Caporale, Mario Liberate, Maria Antonietta Beluzzi, Antonino Faa Di Bruno, Francesco Maselli, Lino Patruno.
Nel prossimo appuntamento di mercoledì 11 giugno con “Venti di cinema” in piazza XX settembre si potrà assistere alla proiezione di “La vita è bella” di Roberto Benigni con l’introduzione di Marzia Luppi, direttrice della Fondazione Fossoli; seguirà il 18 giugno la presentazione di “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores, affidata a Claudio Silingardi, direttore dell’Istituto Storico; il 25 giugno la rassegna si conclude con “La prima cosa bella” di Paolo Virzì, presentato da Alberto Bertoni, docente di Letteratura contemporanea all’Università di Bologna.
“Venti di cinema” rientra nel programma di “Due piazze una città”, cartellone di attività gratuite promosse dall’assessorato comunale al Centro Storico, con l’assessorato alla Cultura e Modenamoremio, che in maggio e giugno animeranno piazza XX Settembre e largo San Giorgio, due luoghi di incontro storici che si riaprono alla città. Il programma è in distribuzione nei punti informativi del Comune e consultabile on line (www.comune.modena.it/economia).

Ora in onda:
________________












Ultime notizie