martedì, 7 Febbraio 2023
1.4 C
Comune di Sassuolo
HomeOsservatorio di Confesercenti Modena: "I° trimestre 2014: ricavi in lieve incremento per...




Osservatorio di Confesercenti Modena: “I° trimestre 2014: ricavi in lieve incremento per le PMI modenesi”

Tamara-Bertoni_okSegnano un lieve incremento i ricavi delle MPMI (Micro Piccole e Medie Imprese) nel primo trimestre dell’anno. A rilevarlo l’Osservatorio di Confesercenti Modena che sull’andamento delle vendite ha registrato un +0.7%. Dati però che se presi singolarmente si presentano contrastanti: nella piccola distribuzione al minuto e nell’ingrosso le tendenze risultano infatti opposte. Il settore ingrosso segna una certa ripresa con un significativo +5%, soprattutto laddove opera con il manifatturiero che mostra in diversi comparti un incremento sia degli ordini che del fatturato. Rimane invece ancora contraddistinto da un andamento fortemente negativo tutto il settore del commercio al minuto e del turismo che invece segna una contrazione media dei ricavi del 2,9%.

Andamento dei volumi d’affari per settori

Commercio al minuto di alimentari: -8,45%. E’ questo il settore che più di tutti sconta il calo dei consumi nel I° trimestre dell’anno ed è sicuramente anche quello che più ha risentito degli effetti del calendario – Pasqua nel 2013 cadeva in marzo, mentre nel 2014 a fine aprile – ma che da solo non giustifica la caduta dei ricavi nelle piccole e piccolissime imprese alimentari. E’ evidente quanto le famiglie continuino a tagliare sui consumi, alimentari compresi, orientandosi sempre più verso strutture che presentano un vasto assortimento di prodotti ‘primo prezzo’ in offerta

Ristorazione e pubblici esercizi: -1,4%. Anche nel settore dei pubblici esercizi, l’andamento nei primi tre mesi dell’anno risulta negativo. Il calo accomuna sia la ristorazione che i consumi nei bar. In particolare poi nella ristorazione, sulla contrazione dei ricavi si registra un’incidenza del calendario che nel 2014 ha collocato Pasqua nel mese di aprile.

Commercio al minuto extra alimentare: -1,1%. Si registra un’attenuazione del calo delle vendite nelle piccole imprese di questo settore, calo che aveva contrassegnato i trimestri precedenti. Risultano penalizzati soprattutto i consumi di abbigliamento e calzature.

Commercio all’ingrosso: +5%. Il settore appare in netta e significativa controtendenza rispetto agli altri. Soprattutto laddove si rivolge al manifatturiero beneficiando in questo caso dell’andamento positivo che ha caratterizzato la ripresa della produzione e del fatturato in alcuni settori produttivi

“Questi dati purtroppo testimoniano l’andamento complessivamente negativo dei consumi anche nella nostra provincia – afferma Tamara Bertoni Direttore Generale di Confesercenti Modena – soprattutto nel commercio al minuto e nella ristorazione. La crisi che insiste ancora in tutta la sua gravità e da cui non si intravvede a breve alcuna significativa via d’uscita, genera il rischio di un avvitamento della situazione. Per questo si rende indispensabile un’azione rapida ed incisiva del Governo, che deve attuare provvedimenti rapidi, ma soprattutto efficaci in grado di incidere nelle condizioni reali delle imprese. Sono quindi assolutamente necessari provvedimenti volti ad alleggerire la pressione fiscale agendo su una riduzione strutturale della spesa improduttiva, oltre ad interventi in grado di ridurre tangibilmente quelle incrostazioni burocratiche che danneggiano l’avvio, la tenuta e lo sviluppo delle imprese”.
“Occorrono inoltre interventi – prosegue Bertoni – che siano da reale incentivo per la ripresa degli investimenti sia nelle aziende private che nel pubblico. Centrale sarà poi invertire la tendenza all’aumento del credit crunch, perché senza credito le imprese non investono ed anzi si moltiplicano le chiusure. Si tratta di emergenze sulle quali occorre intervenire in tempi celeri per ridare prospettiva e centralità a quel tessuto vastissimo di micro, piccole e medie imprese che nel paese, ancor più nel nostro territorio, resta il vero ed insostituibile motore dell’economia e garante della stessa coesione sociale”.

 

Ora in onda:
________________












Ultime notizie