mercoledì, 24 Aprile 2024
5.7 C
Comune di Sassuolo
HomeRiapre a Sassuolo il Centro di raccolta e di primo intervento sulle...




Riapre a Sassuolo il Centro di raccolta e di primo intervento sulle opere colpite dal terremoto

Centro-raccolta-beni-storici-SassuoloDopo la conclusione della prima importante fase di attività che, tra settembre 2012 e ottobre 2013, ha consentito la messa in sicurezza di 715 opere provenienti da edifici danneggiati dal sisma del 2012, mercoledì 4 giugno ha riaperto il Centro di raccolta e cantiere di primo intervento gestito dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Modena e Reggio Emilia nel Palazzo Ducale di Sassuolo, nell’ambito dell’attività dell’UCR istituita presso la Direzione Regionale. La ripresa dei lavori, previsti per 9 mesi, è stata resa possibile da una convenzione stipulata tra Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna e Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Modena e Reggio Emilia, che hanno messo a disposizione i fondi necessari e le competenze organizzative e tecnico-scientifiche.

Quindici restauratori opereranno sotto la supervisione scientifica dei due istituti ministeriali dedicati al restauro (l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro di Roma e l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze), col coordinamento organizzativo dello staff della Soprintendenza modenese. L’obbiettivo è portare a termine la messa in sicurezza di tutte le opere conservate a Sassuolo, che ad oggi ammontano a 1630.
Si tratta di un’importante premessa per la realizzazione dei veri e propri restauri, che richiederanno tempi e modalità differenti a seconda della tipologia di degrado e dei materiali costitutivi. Il tutto finalizzato al ritorno delle opere ai luoghi e alle comunità di origine.

Ora in onda:
________________












Ultime notizie