sabato, 1 Ottobre 2022
20.7 C
Comune di Sassuolo
HomePrimo consiglio comunale ieri sera al Castello di Spezzano




Primo consiglio comunale ieri sera al Castello di Spezzano

consiglio-fioranoIeri sera, mercoledì 11 giugno 2014, al Castello di Spezzano si è svolta la prima seduta del nuovo Consiglio Comunale, nella splendida cornice della Sala delle Vedute, affollata di pubblico: cittadini, dipendenti comunali, famigliari degli eletti, amministratori delle precedenti legislature.
Il responso delle urne aveva assegnato 12 seggi al Pd, 3 al Movimento 5 Stelle, 1 a Forza Italia Berlusconi per Fiorano. Ma la nomina nella Giunta Comunale di due eletti: Riccardo Amici e Morena Silingardi, ha consentito ai primi due non eletti del Pd di entrare.
Il Consiglio Comunale risulta ora così composto:
Sindaco Francesco Tosi
Componenti il gruppo Pd: Simona Baldaccini, Emanuele Bellini, Davide Branduzzi, Angelo Gesualdi, Giovanni Gilli, Monica Lusetti, Francesco Melandri, Sara Pinotti, Alessandro Reginato, Barbara Rosi, Sara Santi, Simone Zocchi.
Componenti il gruppo Movimento 5 Stelle: Giuseppe Amici, Antonio Glorio, Vincenzo Mangone.
Pantelis Assimakis, eletto nella lista Forza Italia Berlusconi per Fiorano, ha preannunciato di non sentirsi più vincolato a Forza Italia. Tale scelta sarà formalizzata e ufficializzata in una prossima seduta del Consiglio Comunale.

A presiedere la prima parte della seduta, in qualità di consigliere anziano, è stata Simona Baldaccini che ha sottolineato l’importanza che all’attività del Consiglio Comunale partecipino i cittadini, come stimolo per lavorare bene.
All’appello è risultato assente, per impegni inderogabili, il consigliere Vincenzo Mangone e sono stati eletti scrutatori, Giuseppe Amici, Angelo Gesualdi e Giovanni Gilli.
Non sono emerse osservazioni sulle condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità del Sindaco eletto direttamente e dei consiglieri comunali, per cui è stato possibile procedere alla nomina del Presidente del Consiglio, Monica Lusetti, e del Vicepresidente Pantelis Assimakis.

Monica Lusetti ha quindi assunto la presidenza della seduta. Dopo avere ricordato l’importanza del ruolo del consigliere comunale come rappresentante dei cittadini, ha auspicato che alla base dei lavori ci siano serietà, passione, spirito di collaborazione.

Il sindaco Francessco Tosi ha recitato la formula del giuramento: ‘Giuro di osservare lealmente la Costituzione Italiana’ ed ha motivato la scelta dei criteri per scegliere gli assessori della Giunta: il vicesindaco Marco Biagini, gli assessori Riccardo Amici, Davide Pellati, Fiorella Parenti, Morena Silingardi.

Ha tra l’altro dichiarato: “Vorrei che il nostro saluto stasera arrivasse a tutti quei cittadini che non hanno partecipato al voto e che cioè hanno abdicato alla nobile funzione di contribuire a scegliere liberamente coloro ai quali affidare il compito di amministrare il paese. Io comprendo la legittimità dello sconforto davanti alle deviazioni in cui è caduto a volte o spesso il mondo politico, davanti alla irrazionalità di talune leggi, e davanti al tradimento dei più elementari valori della giustizia e del buonsenso civico. La classe polita ha avuto in questo una grande responsabilità. Mi rendo conto di ciò e probabilmente tutti noi siamo stati tentati di far seguire alla delusione il disimpegno; ma non possiamo abbandonarci a questa tentazione. Quello della partecipazione politica è uno dei fondamenti della libertà del singolo e della collettività e senza la libertà non si sviluppa la responsabilità delle persone e neppure il senso civico”.
“Quando ho giurato fedeltà alla Costituzione ho pensato all’art. 3 e all’articolo 54. Quest’ultimo dichiara che il principale dovere dei cittadini che assumono funzioni pubbliche è di adempierle con disciplina ed onore. Se questo fosse davvero avvenuto, sarebbe diverso oggi il numero di coloro che si sono rifiutati di andare a votare, abbandonando la politica e la fiducia nella democrazia. L’articolo 3 poi, l’ho sempre ritenuto quello più difficile da realizzare e mai completamente realizzabile fino in fondo: ‘Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge […]. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese’. Questo compito, quello di rimuovere gli ostacoli e far sì, concretamente, che ogni uomo ed ogni famiglia possano vivere sereni e sviluppando le proprie potenzialità e aspirazioni è, nel nostro piccolo, anche il compito di una amministrazione comunale, è il compito della giunta che sto per presentare, è compito di questa assemblea consiliare; in una parola è il nostro compito; sì, perché, aldilà della distinzione tra maggioranza e opposizione, noi costituiamo un organo collegiale legittimato sul piano formale dal voto dei cittadini, ma sul piano sostanziale dalla corretta e unica volontà di fare il bene del nostro paese e di tutti i suoi cittadini”. “Noi non temiamo le idee degli altri; anzi, ne faremo tesoro nel caso in cui aiutino il raggiungimento delle finalità che abbiamo posto in capo a questo nostro quinquennale progetto amministrativo. L’impegno mio e della mia giunta in questi cinque anni non è quello di poter essere rieletti per un secondo mandato; ho sempre considerato il successo elettorale la eventuale conseguenza di un comportamento leale, coerente e intelligente, non la finalità dell’azione politica. Questo rapporto non va invertito. Questo è peraltro il più efficace antidoto alla demagogia, la quale si estinguerebbe se ogni politico non usasse la politica per vincere, ma cercasse di vincere per poter fare davvero politica e cioè operare disinteressatamente per il bene comune. Noi siamo qui per abbandonare ed invertire certi schemi decadenti della politica tradizionale, e cercheremo di essere una spina nel fianco alla irrazionalità di certa normativa e al paralizzante effetto di immotivati lacci burocratici. A tutti i miei assessori chiedo di porsi in questa ottica”.

Consiglieri-Giunta-Fiorano2014

Francesco Tosi ha presentato la Giunta Comunale:
“Marco Biagini, di anni 29, con delega relativa a: Politiche sociali, del lavoro e della salute; Giovani e Lavori Pubblici. È il vicesindaco. Proveniente da 10 anni di esperienza in consiglio comunale, dove ha svolto anche funzioni di capogruppo, ha conseguito dopo la maturità scientifica due lauree triennali presso l’Università di Bologna: laurea in scienze etno-antropologiche e laurea in Scienze sociali. Dipendente a tempo indeterminato in qualità di educatore presso un centro per disabili, godrà dell’aspettativa per svolgere a tempo pieno le funzioni attribuitegli.
Ricardo Amici, di anni 26, riceve le deleghe per Ambiente, Mobilità e Sport (sia attività che impianti sportivi). Diploma di maturità scientifica, frequenta l’Università di Modena nella facoltà di Economia come studente lavoratore, addetto commerciale a tempo indeterminato. Vivi interessi nel campo ambientale e dell’innovazione tecnologica, è stato per cinque anni consigliere comunale.
Parenti Fiorella, anni 64, diplomata in ragioneria, ha lavorato, fino alla pensione, come responsabile del sistema informativo in una azienda ceramica. Attivamente impegnata quale genitore nel mondo della scuola e negli organi collegiali, è apprezzata animatrice di diverse esperienze di volontariato nel campo sociale, culturale e ricreativo. La delega riguarda la Scuola, sia per le Politiche scolastiche che l’Edilizia scolastica.
Davide Pellati; anni 40. Diploma di maturità scientifica, svolge la professione di commerciante, con alle spalle esperienza lavorativa di addetto alle pubbliche relazioni. In passato ha avuto esperienze nel campo politico-amministrativo come consigliere comunale dal 1995 al 2004, di cui i primi cinque anni come presidente del Consiglio comunale, poi assessore alle Attività produttive dal 2004 al 2009. Ha ricevuto la delega per il Personale, la Comunicazione, Sicurezza e Polizia Municipale, Protezione civile.
Morena Silingardi: 55 anni, dopo aver conseguito la maturità classica ha lavorato per dieci anni come programmatrice informatica, per poi entrare per 25 anni nell’attività commerciale con la gestione di un negozio. Caratterizzata da molteplici interessi culturali ed artistici, è promotrice di numerose iniziative nell’ambito culturale e ricreativo. Riceve la delega per Cultura e Turismo, Associazionismo e Partecipazione, Commercio e Gemellaggi.
Ho riservato direttamente alla mia persona l’Urbanistica e le Politiche territoriali, il Bilancio e Patrimonio comunale, le Politiche dello Sviluppo”.
“Cosa poi che farò è affidare progetti specifici a consiglieri comunali, secondo le loro attitudini, competenze e disponibilità. Ne cito a mo di esempio tre : Accesso ai Fondi europei e la Formazione Professionale; il progetto Turismo straniero e infine la Tutela del consumatore. L’individuazione di progetti da affidare a consiglieri si inserisce nella mia più generale volontà di fornire stimoli alla attività dei consiglieri, così da valorizzare le competenze, gli interessi e la disponibilità oltre che la passione che so caratterizzare questo Consiglio comunale. Allo stesso tempo realizzeremo in questo modo uno degli obiettivi che assegno a questo mio mandato: contribuire a creare e far crescere competenze politico-amministrative in un numero ampio di persone e di giovani, costruire un vivaio politico al quale attingere con buon margine di scelta in occasione dei prossimi appuntamenti elettorali. Devo dire che proprio alla luce di ciò, e cioè della ferma volontà mia e della Giunta di creare occasioni di esperienze formative per chi è entrato ora per la prima volta in consiglio comunale, non dobbiamo escludere la possibilità di un avvicendamento negli incarichi amministrativi”.
“Si tratta di una squadra che ritengo potrà da subito caratterizzarsi per sintonia di intenti e buon affiatamento, potenziato da un rapporto schietto di reciproca fiducia. Sarà così possibile attuare quello che ritengo uno degli aspetti fondamentali del lavoro della mia Giunta: il carattere integrato dei programmi e dei progetti e quindi degli apporti di ciascuno , degli assessorati e delle competenze”.
“Sento il dovere di ringraziare i rappresentanti delle tre liste a me collegate che hanno partecipato alle elezioni amministrative senza ottenere una propria rappresentanza un Consiglio comunale. Assicuro a loro il massimo impegno nel rappresentare io stesso le attenzioni e le idee che abbiamo condiviso nel programma elettorale e per coinvolgerli nella programmazione e verifica della nostra azione di governo”.

Giunta-Fiorano-2014

Il Consiglio Comunale ha quindi assolto alle altre incombenze legate alla prima seduta.
Ha eletto la Commissione Elettorale, composta dal Sindaco, da Antonio Glorio, Francesco Melandri e Sara Pinotti come componenti effettivi e da Emanuele Bellini,Vincenzo Mangone, Barbara Rosi come componenti supplenti; la Commissione Comunale per la formazione degli elenchi dei Giudici Popolari composta dal Sindaco, Antonio Glorio e Alessandro Reginato. Ha quindi confermato che saranno quattro le commissioni consiliari permanenti: ‘Attività e affari generali’, ‘Governo del territorio e tutela dell’ambiente’, ‘Sviluppo economico’, ‘Attività formative e politiche sociali, cultura e scolastiche’. Ogni commissione sarà composta da cinque membri effettivi e cinque supplenti: 3 espressione della maggioranza, 1 del Movimento Cinque Stelle e 1 espressione della lista ‘Forza Italia Berlusconi per Fiorano’ o del Gruppo Misto, se Assimakis confermerà la scelta annunciata.
Infine, la delibera di definizione dei gettoni di presenza è stata rinviata.

Ora in onda:
________________












Ultime notizie